837 decessi, 5 in Sicilia, ma i dati iniziano a indicare un contenimento dei casi

I numeri appaiono ancora impietosi, sono infatti 12.428 le persone morte in Italia e soltanto nelle ultime 24 ore sono 837 i decessi. Questi sono i dati appena comunicati dal commissario Angelo Borrelli.

Il totale dei casi è 105.792 di cui i guariti sono 15.729 (+1.109). I casi attualmente positivi sono 77.635 (+2.107). In isolamento domiciliare 45.420 persone, 28.192 sono ricoverate con sintomi e 4.023 sono in terapia intensiva.

I dati “evidenziano in Lombardia una decrescita” dei nuovi casi di Covid-19, anche se “il numero di casi è ancora significativo” aveva fatto notare in altra conferenza stampa il prof. Silvio Brusaferro che ha fatto notare una decrescita anche nelle Marche. È pur vero anche che si teme una “sottostima rispetto ai morti riportati: riportiamo le persone che sono morte alle quali è stato fatto un tampone risultato positivo. I numeri riportati sono i decessi con tamponi positivi, che intercettano una larga parte, ma non tutta la parte”.

 

COVID-19 SITUAZIONE AGGIORNATA SICILIA

 

Per quanto riguarda la situazione siciliana i dati comunicati alle 17 ci parlano di 1.492 persone attualmente contagiate (84 più di ieri) e di 5 persone decedute nelle ultime 24 ore che portano le vittime in Sicilia a 81 dall’inizio della pandemia.

I tamponi effettuati sono 15.634. Fra i 1.492 soggetti positivi si trovano in isolamento domiciliare 917 persone, mentre 575 persone sono ricoverate e fra queste sono 72 le persone in terapia intensiva. Come detto si registrano poi 81 deceduti e 74 persone guarite.

Intanto a Catania, all’ospedale San Marco di Librino, è quasi pronto il nuovo reparto Covid con ben 120 posti letto che andrà a occupare gli spazi di tre Unità Operative che saranno spostate in altri reparti. Purtroppo si registrano nuovi casi di positività negli ospedali di Canicattì (Ag) e Vittoria (Rg).

In proposito alla mancanza di reagenti in Sicilia per l’effettuazione dei tamponi il commissario Borrelli, a precisa domanda, ha risposto che si stanno preparando reagenti per tutto il territorio e a breve la carenza sarà colmata. Così come ha garantito che la Protezione Civile è pronta a venire in soccorso della Sicilia qualora l’emergenza dovesse assumere dimensioni non gestibili dalla Regione, come paventato nei giorni scorsi dal governatore Nello Musumeci.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.