Caso Gregoretti, ok del Senato a processo per Salvini

Via libera dall’Aula del Senato al processo a Matteo Salvini sul caso Gregoretti. Palazzo Madama ha respinto l’ordine del giorno presentato da Forza Italia e Fratelli d’Italia, che chiedeva il voto per ribaltare il primo via libera deciso a gennaio dalla Giunta per le immunità, accogliendo la richiesta di autorizzazione a procedere presentata del Tribunale dei ministri di Catania. L’ex ministro dell’Interno è accusato di sequestro di persona aggravato, relativamente alla vicenda dei 131 migranti bloccati lo scorso luglio al largo di Augusta sulla nave della Guardia costiera.

Dopo la prima tornata di votazioni – con la possibilità per i senatori di esprimersi fino alle 19 – nel tabellone luminoso il numero di luci rosse e quello di colore verde mostrerebbero come l’odg per negare il processo a Salvini sia respinto, considerando come i 60 voti dei leghisti non sono stati espressi. I no all’odg, con la luce rossa sarebbero attualmente 147, a fronte di 70 a favore del testo delle opposizioni. Fdi e Fi hanno votato contro il processo, sì invece, come previsto da M5S, Pd e Leu.
I senatori della Lega non hanno partecipato alla votazione, ha comunicato al termine del suo intervento, il capogruppo della Lega, Massimiliano Romeo. “Facciamo decidere a un giudice, usciamo da quest’aula e facciamo decidere lui. Ormai il re è nudo, potete andare avanti qualche mese o settimana ma in democrazia il giudizio lo dà il popolo”, ha detto Salvini, nel suo intervento un Aula. E ha aggiunto: “Se difendere l’onore dell’Italia è un dovere di un politico o un crimine che merita fino a 15 anni di carcere, voglio che qualcuno metta la parola fine a questo dibattito surreale”. “Io – lamenta – non ne posso più di passare da criminale, ho difeso i confini del mio paese”. L’obiettivo del leader è avere un chiarimento, in tribunale, sulla legittimità del proprio operato. L’intero gruppo si sarebbe detto contrario, deciso a non mandare Salvini alla sbarra, ma l’ex ministro dell’Interno ha però chiesto di non opporsi, coerentemente con quanto sostenuto anche negli ultimi giorni.

“Da tanti anni noto come il Parlamento stia scappando dalle proprie responsabilità. Un po’ ci vergogniamo di essere parlamentari. Su certe materie sensibili, come la procreazione assistita o il fine vita, nessuno vuole legiferare. Abbiamo paura e stiamo scappando dalla nostre funzioni”. Così in aula la senatrice della Lega Giulia Bongiorno in un intervento molto applaudito dal centrodestra e che ha rotto per 10 minuti il clima ovattato con cui l’aula di Palazzo Madama sta seguendo il dibattito. Le argomentazioni dell’ avvocato Bongiorno sono andate oltre il caso Gregoretti, interrogandosi sul rispetto del mandato parlamentare. ”Non dovete votare – ha detto ancora rivolgendosi ai banchi del Pd – esprimendo un parere sulla politica del governo sull’immigrazione, ma se l’interesse pubblico è stato salvaguardato o meno. Allora bisogna avere il coraggio di dire no all’autorizzazione. La legge sceglie noi come giudici. Il Parlamento non può scappare dalle proprie responsabilità, non ci vergognamo di essere parlamentari o di dire no. Stiamo scappando dalle nostre funzioni, noi stiamo svuotando di valore la nostra funzione”. “Ho paura della nostra paura – ha continuato la senatrice della Lega tra gli applausi – ho paura del fatto che noi stiamo arretrando. Basta inseguire il M5s o le Sardine, cerchiamo di essere orgogliosi del nostro ruolo e ricordiamo che, storicamente, quando si crea un vuoto per la crisi di un potere, quel vuoto viene colmato dal quel potere che avrebbe il compito di bilanciarlo”. (Adnkronos)

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.