Hevrin Khalaf uccisa in Siria da jihadisti

E’ confermato che fra le vittime delle esecuzioni sommarie di ieri nel Nord-Est della Siria c’è anche Hevrin Khalaf, segretario generale del Partito Futuro siriano e una delle più note attiviste per i diritti delle donne nella regione. Hevrin si batteva anche per la coesistenza pacifica fra curdi, cristiano-siriaci e arabi ed era apprezzata da tutte le comunità.

Inizia con questa terribile frase un dettagliato articolo del quotidiano nazionale La Stampa che con il suo inviato nei territori, ci descrive gli orrori che si stanno vivendo e ri-vivendo in Siria con l’attacco delle truppe turche e la ripresa delle armi da parte di jihadisti che si riteneva ormai sconfitti proprio dai curdi.

Hevrin Khalaf viaggiava su un fuoristrada Toyota fermato ieri mattina lungo un tratto autostradale da un gruppo di uomini armati che lo ha crivellato di colpi, Hevrin sarebbe stata fatta scendere e trucidata con raffiche di mitra. Sugli assassini non si hanno certezze ma quel tratto di autostrada era rimasto per ore sotto il controllo del gruppo jihadista Ahrar al-Sharqiya, in questa fase alleato della Turchia e responsabile di altre esecuzioni sommarie

A questo punto si potrebbe ipotizzare, ma forse siamo in errore, che questa nuova guerra serva e ravvivare uno jihadismo che sembrava sconfitto e se a ravvivarlo è proprio l’Occidente che dovrebbe subirne le conseguenze allora qualcosa non torna in questa guerra di potere mondiale. Forse la posta in gioco non è neanche tanto facile da intuire. La sensazione è che gli altarini siano mossi dal vertice di una piramide rovesciata.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.