Bombe ecologiche nel Mediterraneo

di Agostino Spataro *

 

Quello che succede oggi al largo delle Shetland può colpire il Mediterraneo domani. Quasi un quarto del traffico mondiale di greggio attraversa il “Mare nostrum”: un mare di equilibrio ecologico altamente instabile, quaranta volte più piccolo dell’Atlantico, e interamente dipendente dal suo scambio di acqua sullo stretto di Gibilterra. Il Mediterraneo è una specie di acqua interna con un piccolo afflusso e deflusso. Per un completo rinnovo dell’acqua sono necessari più di 80 anni. Tutt’intorno: una mostruosa scorta di fognature, fiumi contaminati e calore sulle città costiere.

La produzione industriale sulle rive del Mediterraneo è cresciuta enormemente negli ultimi quattro decenni – dal tre per cento della quota mondiale a quattordici ora. L’Italia è particolarmente colpita dall’industria petrolifera: 135 milioni del totale di 460,8 milioni di tonnellate raffinate in Europa l’anno scorso sono state “raffinate” qui.

Inoltre, vi è un crescente e ancora incontrollato scarico di immondizia da parte di quasi tutti i paesi del Mediterraneo. Con da 3 a 5.000 movimenti di navi al giorno nel solo Mediterraneo occidentale, questo non può essere monitorato. Con oltre 635 milioni di tonnellate, l’UNEP stima l’inquinamento annuo e gli apporti di petrolio nel Mediterraneo attraverso attività “normali” come il lavaggio delle navi e le fuoriuscite accidentali.

Le bombe a tempo ecologiche non sono solo le petroliere, ma anche un numero intero di trasporti di carburante e materie prime meno rispettati: sul Mediterraneo, il 31 percento del commercio mondiale di fosfati, il 9,4 percento di carbone e il 5,5 percento di minerali di ferro: enormi quantità per uno un mare così piccolo. Il pericolo è aggravato dagli equipaggi per lo più inesperti, eterogenei e dalla misera qualità delle barche: quattro navi su cinque con merci altamente pericolose sono considerate dagli esperti “altamente rischiose”. Solo dal 1977 al 1987, vi furono 94 fuoriuscite di petrolio e altre quattro fuoriuscite importanti, ciascuna con oltre 10.000 tonnellate di petrolio che andavano in mare.

Molte delle navi danneggiate giacciono ancora oggi sul fondo del mare, come ad esempio “Haven”, che era affondato due anni fa al largo di Genova e ne seguiva solo parzialmente la rotta.

Un’ulteriore fonte di pericolo del più alto livello di allarme sono i numerosi sottomarini atomici e gli aerei precipitati nel Mediterraneo (il numero esatto è ancora segreto). E i pesci e gli animali marini raccolgono molti degli inquinanti rilasciati nel mare e li immagazzinano nella carne: le persone li mangiano o li fanno amministrare dal medico, ad esempio in cosmetici o droghe su base trans.

L’UNEP, l’agenzia delle Nazioni Unite per l’ambiente, ha scoperto quasi tutto ciò che può essere dannoso per la salute e, in definitiva, fatale per l’uomo e gli animali durante la ricerca di qualità dell’acqua e della spiaggia. In effetti, i fiumi sono probabilmente il peggior “capofamiglia” dell’inquinamento. L’80% della disastrosa situazione è causata da ciò che viene lavato nel Mediterraneo con i maggiori afflussi di 4.800 tonnellate di piombo, 2.800 tonnellate di cromo, 25.000 tonnellate di zinco, 127 tonnellate di mercurio, 90.000 tonnellate di pesticidi, 60.000 tonnellate di detersivo e 2.540 tonnellate materiali radioattivi nel mare.

Inoltre, la popolazione sulle coste è in costante aumento. Secondo una stima delle Nazioni Unite, gli 81,7 milioni di residenti costieri diretti registrati nel 1985 aumenteranno a 108,3 milioni entro il 2000 e a 154,4 milioni entro il 2025. A ciò si aggiunge il turismo di massa, che è cresciuto nel Mediterraneo da 117 milioni nel 1986 in soli quattro anni a 150 milioni nel 1990. Tutte queste persone hanno bisogno di nutrizione, riscaldamento, impianti di produzione; e tutto ciò richiede forniture, gestione dei rifiuti, ritrattamento, purificazione dell’aria e dell’acqua, che a sua volta crea nuove quantità di rifiuti.

I piani, come fare tutto, al momento non sono in vista. Nemmeno misure minime sono garantite; anche la chiusura delle rotte marittime più vulnerabili, come il Canale di Bonifacio tra la Sardegna e la Corsica o la Laguna Veneta, ancora una volta richiesta dopo il disastro delle Shetland, è ancora in discussione.


* Direttore del Centro Studi Mediterranei.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.