Catania nella morsa del fuoco: divorati dalle fiamme i lidi Europa e Maeva

Catania nella morsa del fuoco, complice il forte vento di scirocco e l’ennesima giornata di caldo afoso con temperature stabilmente attestate sopra i 40° (43° oggi con qualche punta in alcune zone di 46°), dal primo pomeriggio di oggi Catania e la sua provincia è in buona parte invasa da fumo e fuoco. Vasti incendi si registrano a Ognina, in zona Nesima, alla Plaia di Catania (dove ai bagnanti è stato chiesto dai Vigili del Fuoco di non uscire sul viale Kennedy e rimanere in prossimità del mare) così come a Belpasso dove brucia un’autorimessa.

Ma gli interventi in corso, al momento in cui scriviamo, sarebbero una quarantina (36 alle 16.35) e si teme che possano arrivare nuove richieste.

Alla Plaia è andato distrutto il lido Europa, le fiamme divampate rapidissime non hanno lasciato scampo alla struttura. I bagnanti sono fuggiti verso la riva mettendosi in salvo. I Vigili del Fuoco hanno chiesto a tutti di non uscire dal lido per non rischiare di essere investiti da fiamme e fumo per rifugiarsi vicino la riva e soprattutto di non invadere con i mezzi il viale Kennedy per consentire rapidità ai soccorsi. Anche il Comune di Catania ha inviato autobotti del servizio di rifornimento idrico per aiutare i Vigili del Fuoco impegnati nelle complicate azioni di spegnimento. Sul posto da pochi minuti sta intervenendo anche l’Esercito Italiano. Le fiamme intanto hanno proseguito il loro percorso e ora minacciano il lido Maeva, secondo alcuni la densa colonna di fumo nero sarebbe data dagli acquascivoli di questo lido (unica struttura catanese ad averli fra le attrazioni) che sarebbero già attaccati dalle fiamme. Per i bagnanti di questa struttura sarebbe iniziata l’evacuazione via mare. La situazione appare drammatica.

Un altro focolaio però interessa la stessa zona e sembrava potesse mettere a rischio il bowling ma soprattutto una stazione di carburanti, il pericolo sarebbe comunque già stato scongiurato dai Vigili del Fuoco.

Altro  violento incendio in via Anfuso a Ognina, rischi per due nuclei familiari di senzatetto già messi in sicurezza dai pompieri.
Pericoloso anche il rogo in via Roma a Belpasso dove un parcheggio privato sarebbe andato completamente distrutto. Secondo alcune informazioni insieme al capannone distrutto dalle fiamme sarebbero andate distrutte 18 auto, un’imbarcazione, un camion adibito a vendita di alimentari e tre camper/roulotte. L’incendio in prossimità di un deposito di carburante. Problemi di viabilità a causa del fitto fumo lungo la Sp 14.

Continua intanto a bruciare da giorni una vasta area boschiva a Caltagirone e a San Michele di Ganzaria. Evacuati temporaneamente un agriturismo e alcune abitazioni.

 

IN AGGIORNAMENTO

h 22.00 – L’incendio alla Plaia di Catania è ormai sotto controllo. La macchina dei soccorsi si è mobilitata con ogni mezzo possibile. L’aeroporto (il cui inizio pista confina con la zona interessata dagli incendi) per circa 50 minuti (ne erano stati stimati 90) ha sospeso tutti i voli per non creare intralcio ai voli di emergenza di elicotteri e canadair, si è mobilitato anche il reparto aeronavale della Guardia di Finanza, mentre la Polizia di Stato è intervenuta con le autobotti con idranti in dotazione al Reparto Mobile di corso Italia, oltre a mobilitare tutti gli equipaggi dei vari Uffici di Polizia nelle azioni di coordinamento veicolare al fine di meglio attuare le direttive impartite dalla Prefettura per l’esecuzione delle operazioni di soccorso.

h 17.35 – Anche il lido Maeva è distrutto dal rogo. Le fiamme hanno avvolto le attrazioni (acquascivoli), il parcheggio e le strutture in legno. Ad aggravare la situazione la presenza di sei bombole di gas che non è stato possibile mettere in sicurezza. Si sarebbero già udite esplosioni.
Decine le auto che erano parcheggiate al viale Kennedy e che sono state completamente distrutte dai roghi. La Polizia di Stato è riuscita ad arrivare prima delle fiamme al maneggio del boschetto e tutti i cavalli della Polizia di Stato sono già stati portati via.
Ormai fra le persone presenti ci sono scene miste tra rassegnazione e disperazione.

h 17.20 – Uno dei Vigili del Fuoco impegnati nello spegnimento delle fiamme alla Plaia di Catania a seguito di un malore sarebbe stato portato in ospedale. Non si hanno altri particolari. Intanto è stato chiesto aiuto ad altri distaccamenti della Regione per avere supporto nelle operazioni di spegnimento.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.