Spagnoli alle urne, record di affluenza

Si vota per le elezioni politiche nazionali in Spagna, 37 milioni di elettori chiamati a eleggere 350 deputati e 208 senatori. Corrono per i seggi oltre al partito socialista del premier Pedro Sanchez (dato per favorito), anche il leader di Podemos Pablo Iglesias, l’estrema destra di Vox e i nazionalisti baschi e catalani.

Le urne sono aperte dalle 9 del mattino e chiuderanno alle 20, ma già alle 14 ha votato il 41,49% degli aventi diritto con un incremento record pari al 4,6% rispetto al 2016, la regione catalana segna addirittura un +11,2%.

La corsa al voto, incitata dallo stesso primo ministro, serve a limitare l’avanzata della destra e il 26% di indecisi fa pensare però che si possa rivelare un boomerang contro l’attuale maggioranza socialista. Infatti leader di Vox è il 43enne Santiago Abascal e il previsto buon risultato del suo partito di estrema destra, forte del recente successo alle elezioni regionali ad Andalusia, potrebbe frammentare ulteriormente il parlamento, complicando la formazione del futuro governo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.