Tenta il suicidio. Salvato dai Carabinieri a Randazzo

Non avendo superato emotivamente la recente morte della madre, ieri, in tarda mattinata,  un 59enne del luogo, ha preso la propria cintura di cuoio, se l’è stretta al collo, l’ha fissata alla ringhiera della tromba delle scale, ubicata tra il secondo ed il terzo piano dell’immobile di residenza, per poi lasciarsi cadere nel vuoto.
Le urla della giovane donna romena, rimasta al servizio dell’uomo anche dopo la morte della madre, che si è accorta del folle gesto compiuto dal poveretto, hanno richiamato l’attenzione di una pattuglia di Carabinieri.
I militari, salite le scale, hanno sollevato l’uomo di peso per poter tagliare la cintura e liberarlo  dal cappio mortale. Gli stessi, constatando le condizioni critiche dell’uomo che non respirava più,  hanno dovuto praticare immediatamente delle manovre di rianimazione cardio-respiratorie fino a che l’uomo non ha ripreso a respirare autonomamente.
Posto in sicurezza su di un fianco, per favorirne proprio la respirazione, l’uomo è stato successivamente soccorso da personale del 118 proveniente dall’Ospedale di Bronte che ha provveduto altresì al trasporto del paziente, a mezzo elisoccorso, all’Ospedale Cannizzaro di Catania dov’è tuttora ricoverato in prognosi riservata ma, come riferito dai sanitari del nosocomio, non in pericolo di vita.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.