Marcella Bella e Levante due imperdibili concerti al Metropolitan di Catania

di Michele Creazzola

 

Molto interesse per Marcella il 22. Quasi sold out per Levante il 23-03-2018, ultima data del tour in Sicilia.

La Punto e a capo di Nuccio La Ferlita inaugura la sua  “primavera musicale” 2018 con due artiste siciliane di grande calibro nel panorama nazionale.

Catania è la città che, oltre vent’anni fa, s’impose come capitale della musica in Sicilia. Una tradizione duratura  che in più occasioni si è rischiato di perdere e che si sta recuperando solo grazie al lavoro degli impresari operanti nel settore che, colo loro impegno cercano di ricreare  il vivaio sonoro a cui  si era abituati. Seppur casuale la scelta di ospitare i concerti di Marcella Bella e Levante un giorno dietro l’altro apre le porte ad una  varietà musicale d’eccezione. Un’interprete dalla carriera ultra quarantennale e il giorno successivo la rivelazione degli ultimi anni della scena catanese, due proposte interessanti per concedersi due serate di musica dal vivo  che, già dalle premesse, lascerà soddisfatto il pubblico.

Sorella di due eccellenti musicisti: Gianni Bella, noto cantautore che ha caratterizzato la scena musicale principalmente dagli anni settanta a fine anni novanta e Rosario “Saretto” Bella anche lui musicista e arrangiatore, Marcella è una delle più grandi interpreti della musica italiana. La sua duttilità vocale fu notata subito col brano “Montagne Verdi” presentato al Festival di Sanremo del 1972 dove giunse dopo alcuni concorsi canori, tra i quali il Cantagiro nel 1969. Sanremo fu il battesimo ufficiale di una carriera iniziata a Misterbianco, nel 1965, con le selezioni per il  il Festival degli sconosciuti di Ariccia, diretto da  Teddy Reno. La sua versatilità le ha permesso di interpretare canzoni di diversa natura e di confrontarsi con la molteplicità dei generi musicali. La sua carriera spazia tra canzoni leggere e di facile ascolto, raffinati pezzi d’autore e reinterpretazioni di brani classici. Pop con elementi di soul, arricchiti da bossa nova e sonorità latine, sono le caratteristiche principali degli arrangiamenti dei singoli e degli album di Marcella Bella. Preziose le collaborazioni con autori importanti della musica italiana tra cui spiccano i nomi di Giancarlo Bigazzi e di suo fratello Gianni. Il cantautore ha firmato alcune delle sue canzoni più famose e dei loro duetti tra i quali “L’ultima poesia” . A causa di problemi di salute, a metà degli anni duemila, il primogenito della famiglia Bella si è allontanato dalle scene ma continua la sua attività da autore.

Dopo il ritorno discografico di Marcella Bella con META’ AMORE META’ DOLORE prodotto da Mario Biondi, la cantante annuncia con entusiasmo le prime date del nuovo live tour.

Dopo la data zero del 16 febbraio, il via ufficiale sarà il 22 marzo al Teatro Metropolitan di Catania ore 21, città natale di Marcella, nella programmazione di PUNTOEACAPO LIVE, con la direzione artistica di Nuccio La Ferlita.

“Finalmente abbiamo programmato le prime date del mio tour! Sono veramente felice di ricominciare a cantare dal vivo e soprattutto di riprendere il contatto con il mio pubblico. Avremo modo di rivivere insieme la mia e la vostra storia, attraverso le canzoni più belle di ieri e di oggi”, commenta la cantante.

IL TOUR

Lo show sarà una sorta viaggio che ripercorre la carriera; la stessa Marcella sarà la voce narrante che accompagnerà il pubblico alla scoperta della sua storia in musica.

Uno spettacolo nello spettacolo in cui ascoltare i brani dell’ultimo disco “Metà amore metà dolore” e quelli storici che l’hanno portata ad essere una tra le voci più amate.

Racconti, storie, aneddoti: tutto sarà corroborato da video che contribuiranno a rendere ancora più avvincente la narrazione.

Ci saranno momenti toccanti dedicati a Gianni Bella, non solo fratello ma vero protagonista della canzone italiana e attore fondamentale della carriera di Marcella, per la quale ha scritto i più grandi successi senza tempo del suo repertorio.

Nella band suoneranno il fratello Rosario Bella (al pianoforte e alle sequenze) e un gruppo ‘al femminile’ con chitarra, sessione ritmica e cori.

Per l’ultima produzione discografica pubblicata nel 2017, Marcella si è lasciata trasportare con curiosità e naturalezza verso nuove sonorità, svelando ogni sfumatura della sua voce eclettica.

Le canzoni scritte per lei da Mario Biondi, Mogol, Max Greco, Stefano Pieroni e dai fratelli Gianni, Rosario e Antonio Bella, le hanno donato nuova linfa e hanno generato un inedito codice interpretativo da lei stessa definito ‘soul-pop’.  L’occasione del nuovo sodalizio con Mario Biondi ha generato un progetto raffinato e prezioso: META’ AMORE META’ DOLORE.

Ora l’icona della canzone italiana torna sul palco e porta con sé il meglio di oggi e di ieri, le canzoni che hanno segnato la storia degli ultimi decenni e i brani più recenti.

Levante.

Un anno all’insegna del successo per l’artista siciliana che con con la pubblicazione del disco

“Nel caos di stanze stupefacenti”, del suo primo romanzo “Se non ti vedo non esisti” (Rizzoli), due tour da tutto esaurito e il debutto televisivo a X Factor, la cantautrice torna dal vivo in tour nel 2018 con un nuovo spettacolo. Reduce dal tour europeo “Caos in Europa tour 2018” Levante  Levante è tornata in Italia con uno spettacolo più raccolto e adatto all’atmosfera elegante dei teatri. “Caos in teatro tour 2018” ha fatto registrare il tutto esaurito in numerose città italiane, proseguirà  il  23 a Catania al Teatro Metropolitan, dove sono notevoli le difficoltà per trovare i biglietti  e si concluderà il 30 marzo al Gran Teatro Geox di Padova. Un’artista che fa parlare di sé e che rappresenta un faro illuminante per originalità nella musica italiana. In un panorama in cui spesso si assiste ad un botta e risposta tra brani che puntano al successo ma che spesso risultano uguali tra loro, Levante parla al pubblico in modo autentico. La risposta a chi la paragona a Carmen Consoli è “non sono una Carmen Consoli più carina, l’ho ascoltata da ragazzina, l’ho ammirata, la stimo, Carmen non si tocca. La gente ha bisogno di incasellare tutto, dunque siciliana con la chitarra uguale Carmen Consoli”. Qualche somiglianza potrebbe esserci ma è solo dovuta all’ispirazione che Levante trae dalla “cantantessa”, che ammirava sin da quando era a casa e la vedeva per televisione, e dalle altre artiste italiane e internazionali che fanno parte dei suoi ascolti.

Claudia Laganà, in arte Levante festeggia i suoi primi cinque anni di carriera.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.