Dario Pistorio, FIPE Confcommercio: il bullismo si combatte insieme ai gestori dei locali

“Il contrasto al bullismo si combatte anche con il contributo delle attività di somministrazione sane e che operano nel pieno rispetto delle regole.

La scarsa professionalità di alcuni proprietari dei locali notturni favorisce atteggiamenti sconvenienti che spesso degenerano in fatti criminosi. Il commercio di alcol a basso costo e venduto ai minori, infatti, è uno dei problemi più gravi che bisogna affrontare; per non parlare di quegli esercizi commerciali che abusivamente si trasformano in locali da ballo, e che, violando ogni regola, diventano terreno fertile per chi cerca lo sballo, non curanti della sicurezza e senza alcun rispetto per gli abitanti del vicinato”.

Lo dichiara Dario Pistorio, presidente regionale della FIPE Confcommercio, che ha le idee chiare su come affrontare il problema.

“Bisogna riportare le famiglie al centro storico e tutelare chi fà imprenditoria seriamente. Chiediamo che venga attuato il daspo urbano per chi si macchia di atti criminosi, soprattutto se sono minori; chiediamo di riportare i presidi delle forze dell’ordine nelle zone di massima affluenza come Piazza Scammacca o Piazza Teatro Massimo e in altri punti critici del centro storico, magari di intervenire con il nucleo cinofilo come deterrente contro il dilagare della vendita e il consumo di droghe. Certo che lo sforzo che sta mettendo in campo il questore porterà i suoi frutti, la FIPE  Confcommercio resta sempre al fianco di chi investe nella crescita culturale e imprenditoriale della città”.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.