Stupori siciliani

di Guido Di Stefano

In questo occidente dove i “grandi” stanno riproponendo con nuove “vesti” tutti gli errori e i drammi del passato, la nostra piccola “nazione” isolana riesce a farsi notare: regala o restituisce soldi a tutti (roma e Bruxelles in testa), se ne “frega” della devastazione e dell’occupazione militare e/o economica, pubblica e ripubblica testi legali e le integrazioni e/o rettifiche giungendo a presentare nello stesso supplemento ordinario il testo originale e quello  corretto.

Così in uno con la GURS Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, n. 18, del 29.04.2016 troviamo il supplemento ordinario (n. 2 riferito alla gazzetta, n.20 d’ordine) e i suoi due decreti, che, senza entrare nel merito, vi presentiamo: “Assessorato dellʼistruzione e della formazione professionale

DECRETO 6 aprile 2016.

Approvazione dell’Avviso pubblico n. 7/2016 per la realizzazione dei percorsi formativi di istruzione e formazione professionale – seconda e quarta annualità a.s.f. 2016-2017 – P.O. FSE Sicilia 2014-2020.

DECRETO 19 aprile 2016.

Approvazione dell’Avviso pubblico n. 7/2016 per la realizzazione dei percorsi formativi di istruzione e formazione professionale – seconda e quarta annualità a.s.f. 2016-2017 – P.O. FSE Sicilia 2014-2020

nel testo corretto con la modifica apportata all’art. 5 “Soggetti ammessi alla presentazione dei progetti.

Restano valide le vecchie massime che recitano “Sbagliare è umano” e “Ogni cosa a suo tempo”.

E a proposito di tempo vi presentiamo ancora quattro decreti dicembrini “fioriti” in gazzetta a metà primavera (29.04.2016):

1) DECRETO 16 dicembre 2015. Variazioni al bilancio della Regione per gli esercizi  finanziari 2015 e 2016 ;

2) DECRETO 17 dicembre 2015. Variazioni al bilancio della Regione per l’esercizio finanziario 2015;

3) DECRETO 22 dicembre 2015. Variazioni al bilancio della Regione per l’esercizio finanziario 2015;

4) DECRETO 22 dicembre 2015. Variazioni al bilancio della Regione per gli esercizi finanziari 2015 e 2016.

Visitiamo ora il sito istituzionale del “Dipartimento del bilancio e del tesoro – Ragioneria generale della Regione” per “deliziarci” con le pubblicazioni effettuate dal 26 al 29 aprile 2016.

Iniziamo con 6 DD.DD.SS. ovvero con sei  decreti “non definibili di variazione” ma utili a ricordarci somme significative e motivazioni grandi od originali:

1) il  D DS. n. 379 del 26.04.2016 “” Liquidazione per chiusura Anticipazione di tesoreria ” capitolo 1608/ c/residui euro 92.417.609,65” ci spiega che € 89.183.400,41 provengono dal c/c IRAP Privata; € 3.234.209,24 dal c/c IRAP Pubblica e allo  Art. 1 comunica che “E’ disposta, per l’esercizio finanziario 2016, la liquidazione della complessiva somma di euro 92.417.609,65, conto residui, accertata con decreti del Responsabile del Servizio Entrate Erariali e Proprie n. 796/2015 e n. 516/2016 per chiusura dell’anticipazione di FSN 2015 e, pertanto, la stessa si considera riscossa e versata”;

2) il DDS. n. 380 del 26.04.2016 tratta la ” Anticipazione FSN 2016 mese di marzo ” capitoli 4219-215217 euro 220.048.678,80; e ci ricorda che con il decreto del Ragioniere Generale n. 361 del 18/04/2016 è stata iscritta nel bilancio della Regione Siciliana, per il corrente esercizio finanziario, la somma di € 220.048.678,80 in entrata nel capitolo 4219 e nella spesa nel capitolo 215217;

3) il DDS n.446 del 29.04.2016 – è riassunto con la dicitura “Sas pagamento di 1 mese di fatturazione presunta euro 1.790.916,00 capitolo 212533”; destinataria della somma è la Sas ovvero la “Servizi Ausiliari Sicilia ScpA”;

4) il DDS n. 419 del 28.4.2016 è un “Decreto di rettifica del Decreto di tesoreria n.20 del 21.01.2016” e  in esso significativo è un richiamo che recite: VISTO l’estratto conto del mese di ottobre 2015 emesso dalla Banca d’Italia – Tesoreria Centrale dello Stato – relativo ai movimenti ed alla situazione del conto corrente n. 22923/1012 “Contributi CEE e relativi cofinanziamenti statali” nel quale risulta accreditata la somma di euro 130.237.038,60 …”;

5) il DDS n. 420 del 28.4.2016  rettifica il  Decreto di tesoreria n.22 del 21.01.2016;

6) il DDS  n. 449 del 29.04.2016 provvede a una  rettifica contabile del Rendiconto Generale della Regione per l’esercizio 2015: ovvero rettifica  limputazione contabile per Euro 171.564.376,72.

È proprio il caso di ricordarlo e lo ricordiamo:  la perfezione non è di questo mondo, come confermano anche:

1) il D.D. n. 447 del 29.04.2016  che si occupa di “ riproduzione economie e sostituzione del D.D. 404 del 27-04-2016″ capitolo 812414 euro 2.340.986,59; esso annuncia  allo “ Art. 1 – L’annullamento del decreto n. 404 del 27 aprile 2016, relativo alla riproduzione di economie di euro 2.340.986,59 sul capitolo 613951 anziché sul capitolo 613905;

2) il  DRG  n. 401 del giorno 27.04.2016 che  modifica denominazione capitolo 144111.

3) il DRG n.  402 del giorno 27.04.2016 che rettifica il “DRG 387/2016 delibera Cipe 93/2016”, in “ambiente agricolo”.

4) il  DRG n.  450 del 29.04.20016 – per l’  istituzione del capitolo 442546 – Dipartimento Ambiente.

E ora occupiamoci delle nuove somme in “variazione” di bilancio, a qualsiasi titoli e denominazione, dando il dovuto singolare rilievo agli importi più corposi.

Il DRG n. 387 del 26.04.2016 si occupa dell’ iscrizione quota parte somme delibera cipe n. 93/2015 con riferimento a “Missione 9 –Programma 5 –  capitolo 554454 Interventi per la ricostruzione del potenziale forestale + 35.160.000,00 danneggiato da disastri naturali, fitopatie e incendi, per la tutela della diversità biologica degli ecosistemi forestali e naturali compresa la riforestazione e riqualificazione ambientale per la prosecuzione del FSC 2000-2006  2007-2013 Euro 35.160.000,00.

Il DRG n.  403 del giorno 27.04.2016 provvede all’impinguamento plafond di cassa vari capitoli Dip. Sviluppo Rurale  per Euro 8.897.199,27.

Il DDG  n. 417 del 28.04.2016  dovrebbe darci qualche speranza perché tratta ” Anticipazione FSN 2016 mese di aprile” capitolo 215217 – 4219  per l’importo di Euro 216.070.028,79.

Le altre variazioni prodotte e pubblicate dal 26 al 29 aprile superano gli Euro 12.000.000,00.

E sorvoliamo sulle ridottissime variazioni residuali (pubblicate ora) della precedente settimana e su  9 DDS che ci assillano per i nostri debiti “bancari”.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.