Prima che il tempo ne cancelli le orme

“Una denuncia ad un sistema, ad un meccanismo; una denuncia “forte”, potente, contro un mostro non inquadrabile, che a volte riesce a divorare i suoi stessi figli come un Crono qualunque, ma senza averne la parallela autorevolezza. Una Idra che cerchiamo in tutti i modi di guardare fissa, ma che con le altre teste ci spia, ci svia, ci prende forse anche in giro. Uno scontro, dove a prevalere sono altri aspetti rispetto a quelli che dovrebbero sovrastare; un’onda che ci invade mentre ci crediamo su di una barca sicura, tranquilla. Una barca che paghiamo. Una denuncia ad un sistema, sì; ma anche una denuncia ad uomini in carne e ossa. Una sferzata per tenerci vigili, svegli; proprio parlando di quel timore di un non-risveglio, che chiuda gli occhi e, soprattutto, i sogni.” (Dalla Prefazione del magistrato/poeta catanese Santino Mirabella)

12765579_10208554417608811_1189160501_oNel dicembre del 2013, la scrittrice Lucrezia Maggi, ha pubblicato un intenso pamphlet dal titolo “Prima che il tempo ne cancelli le orme”, edito dalla casa editrice “Print Me”, uno struggente e commovente racconto del caso di malasanità che vide protagonista la sua stessa madre. Una storia in cui ognuno di noi potrebbe rispecchiarsi.

In Italia ogni due giorni c’è un nuovo caso di malasanità, le statistiche più recenti ci dicono infatti che ad oggi, 163 pazienti sono morti a causa di questo negli ultimi 10 mesi, più della metà al Sud Italia. E questo è  inaccettabile…

La scrittrice ha portato la propria testimonianza in giro per l’Italia, raccogliendo consensi e menzioni. Il libro di Lucrezia ha venduto numerosissime copie e, per suo desiderio, tutti i proventi dei suoi diritti di pubblicazione sono stati devoluti al progetto “I due volti della sanità”, Tribunale dei Diritti del Malato, del movimento di partecipazione civica “Cittadinanza attiva Onlus”. Adesso, la sua nuova sfida, sarebbe quella di portare sul palco la sua opera. Perché mettere dunque in scena questa storia?

Perché il teatro, con il suo linguaggio autentico, i suoi colori, le sue luci, i suoi suoni e i suoi movimenti, sa ben interpretare e approfondire una tematica reale lasciando il segno, sempre alla ricerca della verità.

A raccogliere la sfida, Il Luogo dei Possibili l’unione felice di un affiatato gruppo di attori composto da Axel Caponio, Daniela Delle Grottaglie, Michele Bramo e Fabiana Salentino, che ha creduto fermamente nel progetto. Per coprire le spese di allestimento e di produzione, è necessario però un aiuto, un sostegno reale e concreto. A questo scopo è on line dal 24 febbraio 2016, una vera e propria campagna di crowdfunding (raccolta fondi) su Eppela (www.eppela.com) a cui, chi lo desidera, potrà attivamente partecipare. Per 40 giorni, tanto durerà la raccolta.  L’aiuto di ognuno è indispensabile, assolutamente necessario affinché il desiderio di Lucrezia possa realizzarsi. L’ennesima sfida a cui l’autrice tarantina non desidera sottrarsi.

Al di là della valenza artistica che i temerari attori desiderano attribuire a questo progetto, il loro scopo primario sarà quello di continuare a denunciare, tenendo sempre viva l’attenzione sull’argomento, stimolando un continuo confronto, portando il pubblico a riflettere. Come partecipare? Accedendo al sito Eppela e al progetto Prima che il tempo ne cancelli le orme, con un semplice click, ognuno potrà fare una donazione, anche piccolissima, ricevendo sempre in cambio, una giusta ricompensa (da un segnalibro a un fine settimana completamente gratuito in un noto b&b di Taranto.) Un esperimento interessante e pieno di verità. Sosteniamo il teatro e le storie che vanno dette. Sosteniamo con forza questo progetto. Se si hanno cose da dire bisogna trovare il modo di dirle.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.