Padre Dall’Oglio ucciso già nel 2013?

Padre-Paolo-Dall-OglioDi Luigi Asero

Si alternano periodi di silenzio e voci incontrastate sulla sorte di padre Paolo Dall’Oglio, il sacerdote gesuita rapito lo scorso 29 luglio 2013 in Siria. Oggi un sito siriano (qui il link) riporta la notizia che il gesuita sarebbe stato ucciso poche ore dopo il suo rapimento. La fonte comunque, ancora una volta, non è confermata. Responsabile del rapimento sarebbe il gruppo fondamentalista islamico Isis. Non è comunque la prima volta che si parla dell’uccisione di padre Dall’Oglio e che poi la notizia viene smentita.

L’autore di questa notizia sarebbe tal Abu Mohammad Assuri che la Lega Siriana per i Diritti Umani presenta come disertore del gruppo Isis già citato. Secondo quest’uomo padre Dall’Oglio sarebbe stato ucciso con quattordici colpi d’arma da fuoco a Raqqa presso la sede del gruppo armato e addirittura sarebbe morto appena due ore dopo il suo rapimento, quindi lo stesso 29 luglio 2013. A confronto delle informazioni non ci sarebbero però conferme documentali o fotografiche, né ulteriori conferme di altri esponenti del gruppo armato.

Potrebbe quindi trattarsi ancora una volta di un’azione di sciacallaggio condotta per motivi apparentemente sconosciuti dall’interno di una terra, quella siriana, dove è ormai impossibile reperire informazioni certe nel silenzio internazionale e nell’oscurità del regime di Assad arroccato sulla difesa dei propri  privilegi e contro la popolazione costretta a un esodo senza precedenti.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.