Regione, cose di Casa nostra: acqua e polvere di scirocco…

Bilancio-opaco-SiciliaDi Guido Di Stefano

Regione Siciliana: Piove di continuo in Casa nostra, dentro non su. Decreti a catinelle regolarmente “targati” novembre – dicembre 2013: particolarmente prediletti i tardi giorni  del mese di dicembre dell’anno che fu; e tanti relativi al Bilancio che doveva essere e che ancora nei fatti vive.

Trasparenza massima? Non ci pronunciamo. A volte abbiamo l’impressione di “tardività”: ma pazienza “transeat”! Resta però viva in noi l’impressione che finissima sabbia e polveri vengano lasciate sui “nitidissimi e trasparentissimi” vetri del nostro luminoso e “visibile” Palazzo regionale.

Anche la semplice consultazione della Gazzetta Ufficiale Regione Siciliana (G.U.R.S.), il “giornale” cioè di tutti i cittadini siciliani, la nostra fonte di verità, diritto, giustizia, etica (almeno speriamo e crediamo) nel tempo e con il tempo si è “appesantita” per gli occhi e per la mente:  richiede occhio vigile e mente “estrosa”.

Ah i bei tempi antichi, fino a meno di un decennio addietro! Iniziata la ricerca si affacciava il Sommario della Gazzetta Ufficiale prescelta; e quindi con un clic sull’argomento selezionato splendeva immediatamente e direttamente il testo di quanto “desiato”: Legge, Decreto, Circolare, Comunicazione, qualsiasi cosa era lì, tutto chiaro e nitido, proveniente dalla collocazione indicata nel Sommario.

Credeteci, era un piacere consultare la Gazzetta Ufficiale Regione Siciliana  in linea. Ora la consultazione è “pesantuccia”: è d’obbligo “scorrere” tutte le pagine che precedono l’argomento ricercato e avendo tempo (conviene averlo) andare anche oltre, sbirciando dappertutto. Perché? Perché può succedere che l’argomento “ambito” non sia esattamente nella pagina indicata. Può altresì succedere che Decreti di variante al Bilancio non siano tra i Decreti loro pari ma confinati tra le “Disposizioni e Comunicati” come atti consultabili in altro sito (indicato invero) con una ulteriore ricerca on-line.

Comodo vero! Ne abbiamo un vistoso esempio nella Gazzetta Ufficiale Regione Siciliana parte I n. 8 del 21 febbraio 2014, pagina 98:

Assessorato Economia:

Variazioni al Bilancio della Regione, per l’Esercizio finanziario 2013, relative all’iscrizione in Bilancio di euro 30 milioni sul capitolo 872834, obiettivo operativo 3.3.2 del P.O.FESR 2007-2013 a pag. 98 (Decreto n. 3009 del 26 novembre 2013 del ragioniere generale della Ragioneria generale della Regione).

Provvedimenti concernenti variazioni al Bilancio della Regione, per l’esercizio finanziario 2013, per indennità di posizione e di risultato a… pag. 98  (Decreto n. 3430 del 23 dicembre 2013 del ragioniere generale della Ragioneria generale della Regione).

Dicevano i nostri padri: “Lega l’asino dove vuole il padrone”.

Ma noi non abbiamo un padrone! O forse si? E allora?

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.