Niente farmaci per le carceri del trapanese

Il carcere di Trapani
Il carcere di Trapani

L’Asp di Trapani aveva comunicato la decisione lo scorso 20 novembre, dal 1° gennaio è divenuta operativa così i detenuti dei penitenziari di Trapani, Castelvetrano e Favignana non ricevono più farmaci dispensati dal Sistema Sanitario Nazionale gratuitamente. La notizia, che fa certamente scalpore e orrore è stata diffusa oggi dall’edizione di Palermo del quotidiano La Repubblica.

Un’interrogazione parlamentare sulla vicenda è stata fatta oggi dall’ex sindaco e attuale deputato regionale Girolamo Fazio al governatore Rosario Crocetta e all’assessore alla Salute Lucia Borsellino. Si chiede di intervenire con urgenza sottolineando come fra i farmaci non più forniti ci siano gli anti-Hiv che possono essere dispensati soltanto dagli ospedali e non reperibili commercialmente.

La sospensione riguarda comunque ogni genere di materiale sanitario compresi garze e disinfettanti e deriva dal credito sempre crescente che l’Asp trapanese vanta nei confronti del Ministero della Giustizia. L’Asp comunque, nella nota di sospensione inviata ai direttori dei tre istituti di pena fa soltanto riferimento a “un’attesa riforma del settore da parte della Regione siciliana. È un provvedimento da revocare, perché lede diritti insopprimibili della persona come la tutela della salute“, questo secondo l’interrogazione dell’on. Fazio.

Di certo una nuova “patata bollente” per la Regione e per il ministro Cancellieri, ancora non interpellata ufficialmente sulla vicenda.

Questa vicenda si aggiunge alla polemica sorta nel mese di novembre, sempre a proposito del carcere di Trapani, polemica secondo la quale i mezzi a disposizione erano sporchi e addirittura infestati da ratti. La polemica fu innescata dal sindacato Uilpa Penitenziari. Fece seguito una derattizzazione straordinaria ma si propose addirittura un momentaneo blocco delle attività giudiziarie per il tempo necessario a una completa bonifica. La proposta non ebbe comunque seguito.

Luigi Asero

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.