Firrarello presenta il suo libro a Catania

Sen_FirrarelloUn avvincente viaggio nella storia della politica italiana dell’ultimo cinquantennio e insieme un appassionante parabola umana e professionale. Questa la duplice valenza del nuovo libro del Sen. Pino Firrarello, Un contadino al Senato (Maimone editore), presentato da autorevoli esponenti dell’Ateneo catanese, quali Enrico Iachello, Lina Scalisi e Gino Saitta, in una sala affollatissima.

L’autobiografia intensa ed emozionante del Sen. Firrarello è stata salutata da autorità civili, rappresentanti della politica, amici ed estimatori per un tributo sentito verso un protagonista della politica nazionale che da sempre ha inteso l’attività politica come servizio a favore della collettività. Nel dipanare i fili della memoria in un intreccio di storia personale ed epocale, il volume ripercorre le tappe di un itinerario esistenziale quanto mai ricco e sorprendente e ritrae a tutto tondo l’affresco vivido di un’epoca in profonda trasformazione, dal tramonto della società agricola alla difficile contemporaneità. Dalla rievocazione dell’infanzia vissuta fra i campi di San Cono, nella contemplazione della bellezza della natura, l’autore delinea le tappe salienti di un’intensa attività politica in cui è possibile tracciare l’evoluzione della Storia del nostro Paese dalla Prima alla Seconda Repubblica.

La prima tappa della straordinaria avventura politica dell’autore è Bronte, ben presto divenuta sua patria d’elezione, che segna una svolta anche da un punto di vista personale: l’incontro con la donna che gli darà la gioia di una famiglia da sempre unita, fulcro attorno al quale costruire tutta un’esistenza. “Attraversare una carriera così lunga e prestigiosa consente di scoprire retroscena, alleanze, tradimenti, dinamiche interne ai partiti, fisionomie dei protagonisti della politica italiana che hanno scritto e continuano a scrivere una pagina fra le più significative dell’Italia – hanno sostenuto gli storici intervenuti alla presentazione – Una grammatica della politica declinata in tutte le sue sfaccettature, nella quale trova spazio anche l’ammissione di errori personali e generazionali, il rammarico per le attuali condizioni del Paese e soprattutto della Sicilia, l’incertezza per il futuro dei giovani”. “Autobiografia coinvolgente, romanzo di formazione, narrazione esemplare, storia della politica italiana, il libro del Sen. Firrarello – secondo la dottoressa Marullo, moderatrice della presentazione – alterna agli eventi della sfera pubblica e privata, intime confessioni, riflessioni sui valori e le esperienze di un’intera vita vissuta da uomo “innamorato della natura e della politica”. Una vita che, sottolinea l’autore, “è bella. Bella fino al punto che ad un contadino è stato concesso di governare con impegno e buon senso la Regione Siciliana e di ‘sedersi’, per lungo tempo, al Senato della Repubblica”.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.