"Alle Eolie per sempre" l'atto d'amore di Grazia Zucconelli

“Alle Eolie per sempre” di Grazia Zucconelli, copertina

“Alle Eolie per sempre” è un grande atto d’amore che la scrittrice e poetessa Grazia Zucconelli ha voluto dedicare alla terra  scelta  come rifugio per la propria anima.

Grazia Zucconelli è di origine napoletana, vive a Milano ma ha instaurato con Lipari e le altre isole dell’arcipelago un rapporto simbiotico, inscindibile, eterno. In questo libro di viaggio ci descrive il Paradiso. “Un mare vertiginoso e continuamente mutevole nei suoi colori, dal cobalto al verde smeraldo”  Racconta di mulattiere, gradoni, muretti a secco e provoca nel lettore, meraviglia, stupore, incanto. Un viaggio a ritroso nel tempo.  Le isole dell’Utopia, in grado di  rendere eterna la fanciullezza e i sogni che ognuno di noi si porta dentro, un luogo dove lo spirito possa trovare ristoro e placare  l’ inquietudine. Questo libro mi riporta alla letteratura greca, da Esiodo, ai racconti dei Fenici: le isole dei beati, i Campi Elisi, il luogo nel quale dimoravano dopo la morte le anime di coloro che sono amati dagli dei, destinati a una eterna felice dimora.

È un’isola fuori dal mondo delle comuni esperienze, e si stenta a credere, quando te ne allontani, che possa esistere realmente. Le uniche strade sono mulattiere, a gradoni, che salgono verso il monte e scendono verso il mare… mi siedo su un muretto a secco e guardo giù: c’è il mare profondo tutt’intorno, non si sente voce umana, ma solo lo stormire delle foglie, e il vento che ti tocca dappertutto…”.

Il mare, sempre presente  nella cultura occidentale da Omero in poi, nel libro di Grazia troneggia con sapiente regia, ora è un gigante buono che mostra i suoi sgargianti colori alla placida calma di una giornata di  sole; ora un ciclope infuriato che riversa la sua rabbia schiumosa e incontenibile su scogli e imbarcazioni. Il mare è lo specchio delle nostre inquietudini, ha una molteplice valenza simbolica, rappresenta la lotta e la sfida (“Il vecchio e il mare”, “La balena bianca”). Il confronto con la vita nei racconti di Conrad. Il mare che costringe all’attesa e annienta ne “I malavoglia”.  Il mare è omerico e biblico. Il mare, come il cuore del poeta, sempre in bilico tra la tempesta e la speranza di nuovi orizzonti    “Alle Eolie per sempre” è il luogo dove cercare e ritrovare la propria identità, lì dove il tempo si è fermato ad aspettare.

Salvo Zappulla

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.