Windjet si è fermata. Disagi per centinaia di passeggeri, paura per 460 dipendenti

Wind Jet si ferma. Alle ore 20 di ieri sera arriva lo stop. I voli Wind Jet in partenza da Catania e Palermo vengono cancellati. Tre ore dopo la decisione di sospendere l’operatività in tutti gli scali a partire dalla mezzanotte, manca il carburante per continuare a volare. Secondo alcune indiscrezioni alcuni aeromobili sarebbero già stati riconsegnati alle società di leasing. A Catania la Sac, la società che gestisce lo scalo etneo annuncia di aver sequestrato un aereo dopo l’ok della magistratura. Il provvedimento è stato causato dai crediti vantati…

Leggi tutto

Notte stellata, note di energia. Negrita a Catania

di Valeria C. Giuffrida Il dieci agosto notte delle stelle cadenti per antonomasia, sulla Villa Bellini di Catania, non sono piovute stelle, bensì note di straordinaria energia, quella dei Negrita. Energia, è la parola che meglio può racchiudere in sé, il nocciolo basico del concerto che i Negrita hanno tenuto prima a  Catania e poi (l’11 agosto) a Palermo. Decisamente lontani dallo stereotipo della rockstar, il gruppo ha regalato due ore piene ed un ricco bis ai presenti, interagendo col pubblico senza risparmiarsi, anzi la dove il caldo la faceva…

Leggi tutto

I turbamenti di Salvo Andò o la memoria che si perde

L’incalzare degli eventi, il susseguirsi scatenato dei fatti che caratterizzano un particolare momento storico, portano inevitabilmente alla perdita della memoria? È un interrogativo pleonastico e artificioso, ma è pur tuttavia vero che la memoria si può perdere, e le cause possono essere diverse. La memoria riveste un ruolo molto importante nella vita di tutti i giorni: dimenticare è facile. Le dimenticanze possono verificarsi a qualsiasi età: un certo grado di smemoratezza è normale con l’avanzare degli anni. Lo stress, la depressione,  l’abuso di alcolici o altre cause indotte, possono, poi, contribuire…

Leggi tutto

"Feudo del mare", il paese del sogno

Feudo del mare è un paesino della Sicilia, non sappiamo quale, non sappiamo dove. Un paese che ha coltivato un sogno, o forse un’utopia. L’utopia di Costanza, sindachessa caparbia, dall’animo gentile, i capelli rossi e lo sguardo capace di vedere oltre  l’orizzonte. In questo  romanzo, “Feudo del mare” (Rubbettino, pagg.136 euro 14,00) Marinella Fiume sembra volerci trasportare nella sua isola felice, nell’incanto della sua coscienza civile al servizio degli umili. Può sembrare utopia o follia, oggi, intendere la politica come servizio per i propri cittadini. Mentre la cricca pensa a…

Leggi tutto