Elisabetta Ciancia. In pieno neorealismo

“Un’infanzia” di Elisabetta Ciancia (edizioni Cairo), è un romanzo pervaso da magico candore. Una realtà dura, in pieno neorealismo, vista e raccontata con gli occhi disincantati di una bambina. Inge ha i suoi sogni da difendere, la sua infanzia da vivere nella spensieratezza, ma che gli adulti e gli avvenimenti della guerra cercano di strapparle in fretta. È una continua lotta la sua, una strenua difesa dagli estranei che invadono il suo cerchio magico; dalla mamma, unico suo punto di riferimento, una mamma che agli occhi della bambina rimane bellissima, nonostante i veti che le impone, le stranezze in cui la donna è costretta a rifugiarsi, le frasi incomprensibili, gli orrori della guerra, le orribili auto nere dei tedeschi, i continui spostamenti, i partigiani, le vittime di una guerra lacerante. L’autrice alterna con mirabile sapienza, per tutta la durata del romanzo, l’inferno della lotta per sopravvivere e il paradiso dell’innocenza dove trovare rifugio nei momenti peggiori. Un libro delicato e forte come una fiaba.

Elisabetta Ciancia, traduttrice letteraria “di lungo corso” con una particolare vocazione per la letteratura viennese e praghese della Finis Austriae (Joseph Roth e Alexsander Lernet-Holenia, Leo Perutz e Johannes Urzidil), ha tradotto, tra gli altri, Rudolf Borchardt, Jeremias Gotthelf, Friedrich Hebbel, Gregor von Rezzori, Thomas Bernhard, Michael Ende. Figlia di padre italiano e di madre tedesca, ha attraversato da bambina tutte le lacerazioni della guerra e del dopoguerra, dal Nord al Sud della penisola. Le indelebili impressioni di quell’epoca sono al centro di questo romanzo.

Salvo Zappulla

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.