Trema la mafia catanese: pentito La Causa

Era il 2009, quando i militari del comando provinciale dei Carabinieri di Catania hanno fatto irruzione in una villetta nelle campagne di Belpasso dove era in corso un summit con il gotha di Cosa nostra a Catania. Tra gli arrestati il superlatitante Santo La Causa, ritenuto il capo dei capi nella provincia etnea, il cui nome era inserito nella lista dei 30 ricercati più pericolosi d’Italia, già condannato all’ergastolo per omicidio e associazione mafiosa. Questa mattina nel corso del processo d’appello scaturito dall’operazione “Plutone”, si è appreso, che La Causa avrebbe deciso di collaborare. Il 5 maggio scorso, il capomafia avrebbe notificato la decisione e di voler parlare con i magistrati, sostituendo anche il suo difensore.

La Causa cresce nella cosca dei Ferrera “Cavadduzzu”, per poi passare nel gruppo della “famiglia” del boss Nitto Santapoala. Nel 1991 la Corte di Appello di Catania gli infligge 5 anni di reclusione per associazione mafiosa; La Causa sconterà la detenzione nelle carceri dell’Asinara e al Pagliarelli di Palermo, fino al 1998. La sua caratura criminale cresce nel tempo, tanto che i carabinieri se lo ritrovano nel 2000 nell’ambito dell’operazione antimafia “Orione” che coinvolge oltre 60 appartenenti al clan. In quella fase gli investigatori ritengono che La Causa abbia assunto ruolo chiave all’interno della cosca. Nel 2005 la Corte di Appello di Catania lo condanna a sette anni di reclusione ancora per associazione per delinquere di tipo mafioso.

Nell’agosto 2006 arriva l’indulto e – poiché la condanna non era ancora definitiva e lui nel frattempo aveva assottigliato i tempi di detenzione – La Causa viene scarcerato. Da quel momento se ne perdono le tracce, quando nel novembre 2007 i carabinieri lo inseriscono nell’inchiesta “Plutone” che porta dietro le sbarre numerosi “pezzi da novanta” . Secondo un collaboratore, La Causa era “uno in grado di fare tremare Catania, per carisma ed intelligenza”. La sua nomina a “reggente” sarebbe stata decisa dal carcere. A lui, sostiene l’ accusa, facevano riferimento tutti i capisquadra dei rioni di Catania e provincia. Per La Causa scattano nuovamente le manette l’8 ottobre del 2009, mentre presiedeva un summit a Belpasso con il suo braccio destro Enzo Aiello, a Carmelo Puglisi, Sebastiano Laudani e Rosario Tripodo.

Alfio Musarra

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.