Nigeria, rapito italiano, ucciso un tedesco

Le autorità nigeriane hanno comunicato che un ingegnere, italiano di origini siciliane,  è stato sequestrato da banditi. L’uomo che in Nigeria lavora per la “Borini & Prono” di Torino si occupava di un’operazione di monitoraggio volta al drenaggio di una strada a Ilorin, la capitale dello Stato del Kwara.

Al momento non si hanno informazioni sul gruppo che lo avrebbe rapito lunedì pomeriggio. Dalla Farnesina è arrivata la conferma del sequestro: “Siamo in contatto con la famiglia già da lunedì“. Paura anche nella sede dell’impresa che mai, dal 1952 (quando iniziò a operare in Nigeria), si era trovata in una simile situazione. Uno dei titolari ha subito raggiunto la Nigeria ma chiede riservatezza e calma per la gestione dell’evento.

In Nigeria, durante un blitz delle teste di cuoio inglesi, recentemente, era morto l’ingegnere Franco Lamolinara e questo fa temere le autorità italiane. Il gruppo che che aveva rapito è quello di Boko Haram, lo stesso che giovedì scorso, secondo l’agenzia France Presse, avrebbe ucciso  un ingegnere tedesco che era stato sequestrato lo scorso 26 gennaio.

Luigi Asero


Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.