"L'ultimo romantico", Mario Venuti incontra il pubblico

A Catania, presso “La Feltrinelli” Mario Venuti ha incontrato il suo pubblico e presentato il suo ultimo lavoro. Si è avvalso di pianoforte e chitarra, Mario Venuti, per intonare le canzoni del suo ultimo lavoro discografico, ha raccontato la genesi dei brani  e non solo durante l’incontro moderato dal giornalista Giuseppe Attardi.

Ad accoglierlo un nutrito gruppo di fans, ammiratori ma anche molti appassionati di musica e semplici curiosi che il cantautore siciliano ha ringraziato con uno show case che è andato ben oltre la semplice presentazione, ben al di sopra delle aspettative ad opinione anche degli organizzatori stessi dell’evento. Una sorta di mini-concerto ove è stata eseguita gran parte dei brani contenuti nel disco, alternati dal dibattito tra Attardi e il cantante.

“L’Ultimo romantico” (Musica & suoni-Microclima/Sony Music) è un album di cui Venuti, che ne è anche il produttore artistico, ha scritto testi e musiche con la collaborazione di Kaballà, suo coautore storico nonché amico. Ma chi è il romantico ? “In un periodo come quello che stiamo vivendo, dichiara, la parola “romantico” dovrebbe riacquisire il suo antico significato. Romantico è chi reagisce alla  razionalità con l’emotività, la fantasia, l’immaginazione, il romantico insegue il sogno, la visione, la follia…” ma è anche molto concreto Venuti e resta ancorato alla realtà che ci circonda, il sogno lo ha portato a fare della musica la sua vita e, attraverso le sue canzoni parla dei nostri tempi. A volte in modo diretto, altre servendosi di metafore, affronta temi quali l’amore, la politica, la società, la crisi, i sogni (per l’appunto), le difficoltà, argomenti di cui si è dettagliatamente parlato anche durante la conferenza. Gli stili caratterizzanti le sonorità di quest’ultimo disco spaziano  tra reggae, pop e rock. A tratti  si ritrovano influenze cantautoriali italiane che vanno da Bindi a De André, a Tenco e ovviamente ai Denovo, gruppo di cui Mario Venuti è stato fondatore insieme con Luca Madonia, Toni Carbone, Gabriele Madonia.

Ogni canzone contiene un messaggio e, una dopo l’altra, Venuti le ha raccontate. Si è partiti da “L’ultimo romantico” come capostipite  di un discorso che potrebbe servire da stimolo per andare contro ai voleri sociali sempre più diretti  al materialismo e ai beni di consumo con la vana promessa di una felicità  che poi risulta effimera. Si è parlato dunque di spread, di tagli alle spese, tema di scottante attualità, che ritroviamo come metafora ironica nel brano “Rasoi”: i peli superflui sono sinonimo di beni considerati superflui ma che non è detto che lo siano. Dunque perché tagliarli? E inoltre, cosa resta se si continua a tagliare?  I peli se esistono serviranno pure a qualcosa! Cos’è veramente utile?  Da qui si è giunti facilmente a parlare della cultura in Italia, con la quale non si mangia e per questo subisce giorno per giorno “l’effetto rasoio” nonostante sia il cibo dell’anima. La crisi investe tutti i settori, ma lui dice  “ la crisi , alla fine ci insegnerà a guardare alle cose davvero importanti. ”  e per quanto riguarda quella del mondo discografico, il cantautore è meno preoccupato dalle vendite dei dischi ma piuttosto della maniera superficiale in cui, oggigiorno, si ascolta la musica. Con “Ma fammi il piacere”  si è parlato di bunga – bunga e di un ritratto dell’Italia berlusconiana pervasa da uno stile becero e maschilista che tuttavia trova difficoltà a cambiare, dove è facile vedere ragazze traballanti su tacchi da 12 centimetri che cercano di farsi strada nella vita.

Giornalista e cantante hanno dato luogo ad una sinergia che ha reso, il pubblico molto partecipe e interessato ai temi della conferenza  in cui si è parlato, tra l’altro, delle partecipazioni al festival di Sanremo, delle relative difficoltà che comporta quella manifestazione che, in ogni caso, ha ridato popolarità e ha fatto vincere qualche premio della critica  all’artista. Altre canzoni, non previste in scaletta, quali  “Non sarò io” che attiene all’idea del tirarsi fuori dalla mischia e “Là ci darem la mano”, richiestegli  da Attardi, Venuti le ha eseguite con piacere. La seconda si ispira alla poetica di  Vitaliano Brancati e fonde l’elemento delle pulsioni sessuali mitigate dalla visione cattolica.

Ultimo brano, della performance, “Dna” ispirato al Faust e ai miracoli promessi dalla chirurgia plastica.

L’ovazione del pubblico, le foto e gli autografi hanno concluso la lunga presentazione del disco che presto vedrà la promozione con un tour di concerti.

Michele Creazzola

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.