La luce e il grido. Introduzione alla poesia di Elio Fiore

Maria Di Lorenzo

Ci sono essere umani che nascono indifesi, impossibilitati a difendersi, perché di animo nobile, col cuore di bambino, refrattari alle tentazioni materialistiche di questa società perversa e votata al protagonismo, all’apparire a tutti i costi. Sono i poeti, i sognatori, spesso avulsi dal contesto che li circonda, immersi nel loro mondo magico. Sono persone destinate all’immortalità, la loro presenza su questa terra ha lasciato un segno indelebile, ha contribuito a rendere migliori quanti li hanno conosciuti, hanno sparso ricchezza di sentimenti, luce da attingere, acqua pura in cui dissetarsi.   Elio Fiore è stato uno di questi. E  il libro di Maria Di Lorenzo (Fara editore, pagg. 71 € 11,00) è un atto di giustizia nei confronti di quest’uomo.  Chi meglio di lei poteva tracciarne il percorso esistenziale e poetico? Maria è donna sensibilissima, oltre che intellettuale autentica, sa discernere la pula dal grano, sa addentrarsi nelle miniere  profonde e impervie per estrarne le pepite più preziose. In questo libro, a dieci anni dalla scomparsa del poeta, ha voluto riportare all’attenzione la sua arte, il suo esempio di essere umano, il suo desiderio  di solitudine, lontano dalle contaminazioni,  ai margini di una società  falsamente brillante e maleodorante. Eppure Elio Fiore era capace di porsi al centro dell’universo, portatore di verità incomprensibili agli altri, messaggero di fede e di etica. La sua poesia lo liberava da uno stato di apparente staticità, percorreva  un itinerario sacrale dell’anima, un canto di fede ed esultanza,  un inno di lode e di gratitudine. Un uomo che coltivava dentro di sé una ricchezza  straordinaria, la fede e la speranza. Un pellegrinaggio  spirituale il suo,  che assurge a simbolo di ricerca della Verità. Un’inquietudine destinata a placarsi  soltanto quando potrà scoprire  la propria identità profonda, del mistero insondabile che egli è.  Come scrive la stessa Maria Di Lorenzo: ” La poesia era la luce e il pane della sua esistenza. Era uno sguardo (non omologato) levato ogni giorno verso il cielo, quel cielo che noi – tutti noi – abbiamo perso di vista, annegato nei simulacri della modernità. Uno spazio amoroso, trasparente come una fiamma, capace di custodire, dentro il turbine della storia, il semplice segreto della vita, nella lampeggiante incandescenza di un verso. Era preghiera e sorella della fede”.

Maria ha avuto modo di conoscerlo di persona, sicuramente è stato un incontro tra due spiriti eletti, che ha arricchito entrambi.  Elio Fiore ha conosciuto  anche gli orrori della guerra, i bombardamenti, la deportazione degli ebrei,  tutto il male che gli uomini sono in grado di esercitare sui propri simili. Esperienze che hanno segnato il suo carattere e hanno inciso sulla sua produzione poetica, oggi frettolosamente dimenticata. Eppure Elio Fiore  riscuoteva la stima di letterati come Mario Luzi, Carlo Bo,  Eugenio Montale, Giuseppe Ungaretti.

Maria Di Lorenzo, scrittrice, giornalista culturale, autrice cinematografica e teatrale, vive e lavora tra Roma e Milano.   Dopo gli studi classici si è laureata col massimo dei voti in Lettere Moderne all’Università di Urbino, con una tesi di carattere psicoanalitico su Giacomo Leopardi. Ha quindi lavorato come giornalista per il quotidiano “Il Tempo”, per la RAI e per altre testate italiane. Attualmente è direttore responsabile del magazine “In Purissimo Azzurro”, mentre dal 1° giugno 2009 cura sul web il forum letterario Flannery dedicato alle donne che scrivono. E’ autrice di una decina di saggi tradotti in sei lingue, di due raccolte poetiche, ‘Voci dal muschio’ (1992) e ‘Quaderno Siciliano’ (1994) e di un romanzo, ‘La sera si fa sera’ (2004). Come ricercatrice ha condotto con l’équipe del Centro Studi C.I.O.F.S. di Roma uno studio sulle problematiche femminili dell’est e dell’ovest europeo attraverso il cinema, confluito nei saggi collettivi: ‘Donna e cinema nell’Europa 2000′ (1994) e ‘Donne e cinema fra immaginario e quotidianità’ (1998) in uso presso alcuni atenei italiani. Al momento sta lavorando alla stesura di un nuovo romanzo e a un soggetto per il cinema (cortometraggio) di cui curerà anche la regia.

Salvo Zappulla

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.