Un grande 2012 di tennis attende gli appassionati

Ci sono quattro uomini dotati di un incredibile talento che stanno monopolizzando ormai da anni il panorama tennistico mondiale, vincendo 26 degli ultimi 27 titoli dello Slam, tanto da essere ribattezzati i Fab Four del tennis. Questi fenomeni si chiamano, in rigoroso ordine di classifica, Novak Djokovic, Rafael Nadal, Roger Federer e Andy Murray.

Il 2011 di Djokovic è stato al limite della perfezione. Il serbo, infatti, ha vinto dieci tornei tra i quali ben tre su quattro del Grande Slam, Melbourne, Londra e New York, e, per nove mesi, è sembrato imbattibile non dando scampo agli avversari, solo Federer, nella semifinale di Parigi, è riuscito nell’impresa di sconfiggerlo, al termine di una sfida emozionante. Djokovic ha però chiesto tanto al suo fisico, arrivando spossato al termine della stagione. In questo anno il numero uno del tennis mondiale ha l’obiettivo di confermarsi al vertice e, se saprà dimostrarsi lo stesso giocatore della stagione passata, ci sono ottime possibilità che ci riesca.

Nadal appare scarico soprattutto mentalmente, ha vissuto un 2011 risentendo di un senso d’inferiorità nei confronti di Djokovic, che lo ha battuto in sei finali, tra le quali Londra e New York, salvandosi dall’ennesima sconfitta solo grazie alla sua amata terra rossa, vincendo a Parigi per la sesta volta in carriera, nonostante alcuni scricchiolii si siano avvertiti anche in quella occasione. Il 2012 si presenta per il maiorchino come l’anno del riscatto.

Il più anziano tra i Fab Four, Federer, numero 3 del mondo, ha vissuto una stagione di alti e bassi, ma ha confermato che la classe non è andata in pensione, vincendo il Masters di fine anno. Il trentenne elvetico, quest’anno punta molto sull’appuntamento olimpico, unico alloro mancante nella sua invidiabile bacheca dei trofei.

Infine, Andy Murray, il più incostante dei quattro. Da anni cerca di imporsi in un torneo del Grande Slam, riuscendo al massimo ad arrivare in finale. Dà come l’impressione che gli manchi sempre quel pizzico in più per poter primeggiare. Il britannico vive all’ombra degli altri tre, sempre alle loro spalle, nel tentativo, non ancora riuscito, di raggiungerli. Quella che è appena iniziata, per lui, può definirsi come la stagione decisiva per riuscire finalmente a sostenere un confronto alla pari con i tre rivali.

Ci aspetta una grande annata tennistica, piena di appuntamenti che vivrà nell’olimpiade di Londra il suo apice e, sicuramente, non ci si annoierà nel seguire le gesta dei Fab Four attorniati da tanti altri buoni giocatori. Il primo importante banco di prova sarà Melbourne, a partire dal 16 Gennaio, da quel giorno in poi sarà una lunga cavalcata in giro per il mondo con l’unico obiettivo nel vertice della classifica mondiale.

Alessandro Cantale

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.