SOS Agrumicoltura

Approvato all’unanimità dal Consiglio provinciale etneo un odg a sostegno del comparto agrumicolo, oggi in sofferenza per una eccessiva produzione di frutti di piccolo calibro, per i danni cagionati dalla grandine e dalla recente cenere vulcanica, fenomeni tutti imputabili a calamità naturali; ad aggravare il quadro, già di per sé disastroso, contribuiscono certamente gli effetti di una recessione economica generale che, difatti, deprime i consumi. Il risultato è che attualmente si registrano pochissime contrattazioni commerciali e troppe risultano le partite ancora invendute, è a rischio collasso un settore portante della agricoltura siciliana e con esso migliaia di posti di lavoro.

Della questione il Consiglio provinciale ha investito il Presidente, on. Giuseppe Castiglione, chiedendo un suo tempestivo intervento presso il governo nazionale, regionale e la stessa commissione europea.

“Chiediamo interventi urgenti, la dichiarazione dello stato di calamità, un ritiro straordinario dei frutti di piccola pezzatura, da destinarsi alla trasformazione industriale, e una massiccia campagna promozionale che sostenga e incentivi i consumi” dichiarano i consiglieri provinciali deLa Destra, Giuseppe Mistretta, Enzo D’Agata e Gaetano Distefano, “tutta la deputazione siciliana deve farsi carico del problema, in sede regionale, nazionale ed europea, esigano severi controlli su gli agrumi d’importazione, sui prezzi al consumo e sul contrasto alle speculazioni, si intestino, infine, l’onorevole battaglia delle aranciate senza arancia” conclude Mistretta, primo firmatario.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.