Si muore ancora per il maltempo (e non solo). L'evoluzione del meteo

È successo ancora, nuovamente un morto per il maltempo. È accaduto oggi a Napoli dove un 65enne è rimasto schiacciato all’interno della propria auto,  in località Arco Felice, da un pino secolare divelto dalle violentissime raffiche di vento. Proprio quel pino, raccontano alcuni cittadini, che nei giorni scorsi era già stato segnalato come un pericolo per cedimenti. Secondo quanto ricostruisce il titolare di un ristorante che si trova proprio di fronte al luogo dell’incidente mortale, giorni fa i cittadini avevano fermato una pattuglia dei vigili urbani di Pozzuoli segnalando la necessità di un sopralluogo urgente.

Fortissimi disagi anche a Pozzuoli, dove sono stati chiusi i due tunnel, invasi dalla pioggia che si è abbattuta sul napoletano sin dalle prime ore del mattino. Nel centro storico sono stati segnalati diversi black out elettrici; dal campanile della chiesa Santa Maria delle Grazie sono caduti dei calcinacci. Situazione critica in Via Campana arteria che unisce il comune di Pozzuoli a quello di Quarto e a Corso Garibaldi.

Parecchie le richieste di soccorso al centralino dei Vigili del Fuoco di Napoli per allagamenti di scantinati e per liberare diverse persone rimaste bloccate all’interno delle proprie auto. Chiusa anche la linea 1 della Metropolitana. Rinviato l’incontro di serie A fra Napoli e Juventus.

Paura, com’è naturale che sia, anche a Sarno, dove la gente ha ancora viva la paura della frana che distrusse buona parte del territorio. Sotto controllo il bacino del Sarno e i suoi affluenti. Proprio alla foce del Sarno sono in atto, tra l’altro, i sopralluoghi da parte dei tecnici di Arcadis (Agenzia regionale di Difesa suolo).

Ma non soltanto a Napoli il maltempo preoccupa. Liguria e Piemonte vivono ore di angoscia e terrore.

Genova, la città simbolo del maltempo oggi è al suo terzo giorno di pioggia incessante, si continua a scavare nel fango per cercare di liberare strade e case. E sulle polemiche innescate dalla decisione di mantenere aperte le scuole giorno 4, quando l’allerta meteo era al massimo livello, la sindaco Marta Vincenzi dichiara al Secolo XIX: “Le disposizioni da diramare ai presidi, il giorno precedente l’allerta 2, erano molto precise. E cioè: tenete i bambini a scuola, al sicuro, sino a quando non sarà passato il clou del nubifragio, che era previsto attorno alle 14. Se dagli istituti scolastici sono partite chiamate ai genitori perché venissero a prendere i figli nel momento peggiore del disastro, si tratta di un grave errore. In questo modo si è messa a repentaglio l’incolumità di adulti e bambini”.

L’allerta ora si è spostata verso il Piemonte, dove preoccupa il livello del Po e dei suoi affluenti. A Piacenza il Po ha infatti già superato i 5 metri. Il ponte del Bertenga sul Pellice è crollato. In provincia di Alessandria alcune strade sono state interrotte da allagamenti e smottamenti, evacuate circa 500 persone.

A La Spezia è allarme crolli. Una frana di grandi dimensioni degli ultimi giorni, si è staccata lungo la statale 226, tra Ponte Savignone e Casella provocando la rottura delle tubature del gas metano. Per questo motivo i comuni di Casella e Montoggio sono senza gas. Pioggia intensa sulla Val di Vara dove, all’alba, si sono intensificati i controlli dei movimenti franosi attorno a Borghetto Vara e Brugnato. Due i guadi provvisori sono saltati durante la notte sui torrenti. Rocce sono cadute sulla strada per Carrodano. In mattinata il vertice al Comitato operativo di Borghetto.

Resta confermato il prolungamento dello stato di allerta fino alle 18 di domani sera per tutta la Liguria

A Torino il sindaco, Piero Fassino, ha disposto per lunedì la chiusura delle scuole, lezioni sospese anche all’Università e al Politecnico. Un forte invito alla prudenza arriva dal Governatore della regione Piemonte,  Roberto Cota, che dice “Troppa gente va a curiosare sui ponti e lungo i fiumi, mettendosi in situazioni di serio pericolo. Rinnovo per l’ennesima volta l’invito a stare lontani da luoghi a rischio”.

Interrotti i collegamenti ferroviari fra Torino e Savona.

Luigi Asero

IL BOLLETTINO DE “IL METEO” DIRAMATO ALLE 12.25 DI OGGI: 

ULTIM’ORA: temporali forti sulla Campania, temporali in formazione sulle coste del Lazio. ALLERTA anche al Po in Piemonte.

ATTENZIONE: tanta pioggia in arrivo su tutte le regioni, abbondanti precipitazioni su Piemonte, Campania, nubifragio a Napoli, maltempo poi Puglia, peggiora forte sul Veneto dalle 12-13 con forte maltempo a ridosso delle Prealpi,  temporali in Sardegna. LUNEDI e MARTEDI altre piogge al nord e Sardegna, continue su Piemonte e Liguria. MERCOLEDI peggiora al sud e Toscana. GIOVEDI temporali diffusi al sud, poi miglioramento.

Potrebbero interessarti