Messina: Sono tre i morti, fra questi un bimbo di 10 anni

Gravissimo il bilancio a Saponara, frazione in provincia di Messina. Il maltempo che ha colpito rovinosamente la provincia fa, ancora una volta, le sue vittime.

Luca Vinci, questo il nome del piccolo, è rimasto imprigionato mentre con la sua mamma si trovava a casa. Un movimento franoso ha interessato infatti un gruppo di case a Saponara (una frazione a circa 20 Km da Messina), fra le quali quella del piccolo Luca.

Risultano inoltre dispersi due uomini, padre e figlio, Luigi e Giuseppe Valla. La loro abitazione, in frazione Scarcelli,  è stata investita da un vasto movimento franoso che ha sbriciolato l’immobile portando via con sé i due uomini. Miracolosamente salva la moglie del signor Giuseppe che si trovava in un altro lato della casa e che è riuscita ad aggrapparsi a una ringhiera. Salvo un altro ragazzo inghiottito dal fiume di fango ma tirato via dai Vigili del Fuoco.

Più in giù rispetto a Saponara è esondato anche il torrente a Villafranca Tirrena dove 20 famiglie di via Rovere sono isolate. Il nubifragio ha toccato Messina e si è spostato sui comuni della fascia jonica dov’è esondato il torrente Antillo inondando la provinciale e provocando alcuni smottamenti. Un uomo che a bordo di un escavatore stava ripulendo una strada a Monforte San Giorgio è stato poi investito da una successiva frana che ha provocato il ribaltamento del mezzo. Ora si trova ricoverato con prognosi riservata in ospedale.

“Il paese è in ginocchio, i danni sono ingenti e tutti speriamo che i due dispersi, travolti dalla frana, siano in vita”, dice il vicesindaco di Saponara. Sul luogo del disastro, che si può raggiungere solo a piedi, i soccorritori continuano a scavare.

L’ondata di maltempo era attesa sulla costa jonica del Messinese, per questo il sindaco di Messina aveva predisposto la chiusura delle scuole, ma s’è invece abbattuta sul versante tirrenico, tra Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto. La situazione più drammatica è quella della città del Longano, il fiume che è straripato affogando nel fango tutto il centro di Barcellona e le zone periferiche: vale a dire che in questo momento nessun abitante di Barcellona è in grado di spostarsi, perché tutta le viabilità è compromessa.

In serata la Polizia ha liberato nove disabili e due operatori che si trovavano bloccati al primo piano di una comunità a Barcellona Pozzo di Gotto, dopo che il pianterreno si era allagato a causa delle piogge.

Non appare migliore l’allerta meteo in Calabria dove un treno delle Ferrovie dello Stato è deragliato in provincia di Catanzaro, tra Feroleto a Marcellinara. Nessun ferito fortunatamente, ma sono diversi i contusi.

Luigi Asero

AGGIORNAMENTI ALL’ARTICOLO

Aggiornamento delle 09.35: Tratta in salvo la donna di 25 anni inizialmente data per dispersa. La concitazione dei momenti aveva fatto diffondere l’errata notizia che fosse morta. Fortunatamente il bilancio non si è invece ulteriormente aggravato. Rimane quindi di tre il numero delle vittime: Luca Vinci di 10 anni, Luigi Valla di 50 anni e il figlio di questi, Giuseppe di 20 anni.

Aggiornamento delle 01.40: Sarebbe stato ritrovato il corpo di una ragazza di 25 anni, sempre a Saponara. Non si hanno altre notizie allo stato attuale relativamente all’identità e alla dinamica degli eventi. Si parla anche di ulteriori dispersi.

Aggiornamento delle 0.54: Sono stati purtroppo ritrovati i corpi senza vita dei due dispersi, Luigi Valla, 50 anni e Giuseppe Valla, il figlio, di 20 anni. Sale così a tre il tragico bilancio dell’alluvione che ha colpito la zona del messinese oggi.

Alluvione nel Messinese –

UFFICIO COMUNALE PROTEZIONE CIVILE BARCELLONA POZZO DI GOTTO: 090 9707176 cell 392 9432457;

UFFICIO COMUNALE PROTEZIONE CIVILE MILAZZO 090 929 66 27

per cibo e posti letto a Barcellona: 340 8672982 / 347 7746782.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.