Mesagne (Br). Imprenditore dato alle fiamme e ucciso

Atroce morte di un imprenditore agricolo nel brindisino. Damiano De Fazio, 51 anni, era stato ritrovato in fiamme durante la notte fra il 26 e il 27 dicembre da una guardia giurata nelle campagne di Mesagne. Prontamente soccorso è stato ricoverato presso l’ospedale Perrino di Brindisi, dove però, in mattinata, è spirato a causa delle gravissime ustioni che avevano colpito il 95% del corpo. Il pm, dr. Luca Buccheri, ha disposto l’esame autoptico. Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Brindisi, tendono ora a decifrare quanto accaduto. Sembra che il…

Leggi tutto

Trani. Energie rinnovabili, sistemi "antichi"

Tredici ordini di custodia cautelare emessi, tre in carcere e dieci ai domiciliari. Questi gli esiti di un’operazione condotta dalla Procura di Trani sull’affare del fotovoltaico. Le persone coinvolte sono 5 progettisti e 7 rappresentanti legali di società interessate nonché il dirigente pro-tempore dell’Ufficio Tecnico del Comune. Per tutti l’accusa è di associazione per delinquere, falso ideologico in atto pubblico e truffa aggravata ai danni dello Stato. Le indagini, lunghe e complesse, sono state svolte dalla Guardia di Finanza di Bari e coordinate dal dr. Michele Ruggiero della Procura di…

Leggi tutto

Tromba d'aria crea il terrore all'Ilva di Taranto

Potrebbe essere un disastro nel disastro. Una tromba d’aria ha investito lo stabilimento Ilva di Taranto, una ciminiera è crollata trascinando con sé un cavo dell’alta tensione. Almeno un disperso e una ventina di feriti. Una serie di esplosioni a catena coinvolge l’area “a caldo” del polo industriale e gli operai dopo aver messo in sicurezza le condutture di ossigeno stanno lasciando l’area. La tromba d’aria e i fulmini che si sono scatenati sull’enorme impianto industriale hanno provocato il black out totale degli impianti, soprattutto quelli destinati a ghisa e…

Leggi tutto

Camion bloccato su passaggio a livello, muore macchinista del Freccia d'Argento

Il tragico incidente poco più di un’ora fa, alle 13.33, all’altezza di un passaggio a livello. Un camion si arresta durante l’attraversamento forse a causa di un guasto meccanico e rimane bloccato mentre sopraggiungeva un Eurostar “Freccia d’Argento” che non ha potuto evitare l’impatto. Nello scontro è deceduto il macchinista Trenitalia dell’Eurostar 9351 proveniente da Roma e diretto a Lecce . L’incidente è avvenuto in provincia di Brindisi in località Cisternino. Diversi i contusi fra i passeggeri, sembra che non ci siano feriti in condizioni preoccupanti. L’Eurostar, partito da Roma…

Leggi tutto

Mola di Bari. Tentato omicidio di una donna, arrestato un 60enne

I Carabinieri della Tenenza di Mola di Bari in poche ore hanno risolto il tentato omicidio di una 48enne, avvenuto nella serata di ieri in pieno centro abitato. È stato infatti tratto in arresto un 60enne del luogo che aveva avuto in passato una relazione con la vittima e che ieri sera, intorno alle 20.30 circa, l’avrebbe avvicinata in strada e, al culmine dell’ennesima animata discussione, avrebbe estratto dalla tasca una pistola esplodendole un colpo alla testa. Sul posto i Carabinieri, dopo aver soccorso la donna, ricoverata in gravi condizioni…

Leggi tutto

Operazione "Cinemastore": catturato l'ultimo dei latitanti

Nel gennaio scorso sette persone sfuggirono agli agenti della Squadra mobile di Lecce che, al termine dell’operazione “Cinemastore”, arrestarono 42 persone appartenenti ad un’organizzazione criminale affiliata alla Sacra corona unita. Nei mesi successivi i sette sono stati tutti arrestati. L’ultimo dei latitanti, il 43enne Pasquale Briganti, è stato catturato il 6 luglio dagli uomini della Mobile mentre era con alcuni parenti sulla spiaggia di Campilungo, a marina di Mancaversa, una località balneare del comune di Taviano, nel Salento. Era senza scorta e non ha opposto resistenza. Tra i ricercati arrestati…

Leggi tutto

Perse le prove dell'attentato di Brindisi. Autocombustione?

La notizia, passata in sordina nei giorni scorsi sulle pagine dei maggiori quotidiani nazionali (che si sono ben guardati dal metterla in rilievo) appare invece gravissima. Lo scorso 2 luglio, alle 4 di notte un’esplosione che non ha provocato vittime avrebbe però bruciato nientemeno che il laboratorio della Polizia Scientifica che si trova all’interno dei locali della Direzione Centrale della Polizia di Stato a Roma. Gli uffici si trovano all’interno di un enorme complesso sulla Tuscolana che riunisce tutti gli uffici centrali e i reparti del Ministero degli Interni. Si…

Leggi tutto

Atto di guerriglia in Afghanistan: muore un carabiniere

Aveva 31 anni la vittima italiana numero 51 in Afghanistan. Si chiamava Emanuele Braj ed era originario di Galatina in provincia di Lecce. Era effettivo al 13° Reggimento “Friuli-Venezia Giulia”. Con lui sono rimasti feriti, ma fortunatamente non sono in pericolo di vita, i colleghi Dario Cristinelli, maresciallo capo di 37 anni, originario di  Lovere (Bg) e il carabiniere scelto Emiliano Asta originario di Alcamo (Tp) di 29 anni.  Un quarto carabiniere è rimasto illeso. I due feriti sono stati trasportati in elicottero all’ospedale militare Usa (Role 2) di Shindand, dove sono ora…

Leggi tutto

Attentato Brindisi: avrebbe confessato l'autore

Sarebbe accusato di strage con finalità di terrorismo. Sarebbe lui il mostro che il 19 maggio scorso ha fatto a pezzi Melissa Bassi e ridotto in fin di vita Veronica Capodieci, ferendo anche altre 5 ragazze dell’istituto Morvillo-Falcone di Brindisi. Si chiama Giovanni Vantaggiato, ha 68 anni, è di Copertino (Le), è titolare di un deposito di carburanti a Copertino, ha una Fiat Punto. E soprattutto ha confessato. Doveva farlo. Lo incastra la sua Fiat Punto ripresa nei pressi della scuola da una telecamera, lo incastra la somiglianza con il…

Leggi tutto

Attentato di Brindisi, il video e i dubbi

L’esclusiva del video in mano agli inquirenti (o almeno di una parte di esso) è di Sky Tg 24 che ieri lo ha trasmesso e messo online. Nel video si vede l’uomo indicato come l’esecutore materiale dell’attentato alla scuola Morvillo-Falcone, e non ancora identificato, aggirarsi attorno al famoso chiosco da cui sarebbe stato ripreso e a un certo punto estrarre dalla propria tasca un piccolo telecomando (forse simile a quelli in uso per l’antifurto delle auto) e premere il pulsante. Poco dopo il fumo e l’uomo che si allontana come…

Leggi tutto