Morto a Napoli Ennio Fantastichini

[AdnKronos]

 

Stroncato da una grave emorragia cerebrale dopo una lunga malattia l’attore Ennio Fantastichini. Aveva 63 anni ed era ricoverato da alcuni giorni in rianimazione all’ospedale Federico II di Napoli. Originario della provincia di Viterbo, nel Gallese, Ennio Fantastichini debuttò adolescente in un’opera di Beckett. Da quel giorno la sua passione per la scena non ha conosciuto ostacoli. Una carriera tutta in salita che, dopo i corsi di recitazione all’Accademia nazionale d’arte drammatica Silvio D’Amico, lo vedono protagonista nel cinema e nel teatro, ma anche alla tv. “La mia mina vagante se n’è andata.. L’ho amato lo amo lo amerò sempre. Il cinema ha perso un grande attore .. Io ho perso tante cose un amico..un fratello..”, il commosso commento su Twitter del regista Ferzan Ozpetek.

Fantastichini ha lavorato con Gianni Amelio (‘Porte aperte’), Ferzan Ozpetek (‘Saturno contro’ e ‘ Mine vaganti’), con Paolo Virzi (‘Ferie d’agosto’) e Peter Greenaway (Ripopolare la reggia’), Marco Risi (‘Fortapasc’). Numerosi i premi e i riconoscimenti per le sue interpretazioni sul grande schermo. In particolare per le ‘Porte’ di Amelio accanto a Gian Maria Volonté (Ciak d’oro 1991, Nastro d’Argento come miglior attore non protagonista, Premio Felix 1991, l’European Film Awards come scoperta dell’anno), ma ha ricevuto anche un David di Donatello come migliore attore non protagonista per ‘Mine Vaganti’ nel 2010.

Anche la tv fu, per l’attore scomparso, un palcoscenico ideale dove confrontarsi con personaggi diversissimi tra loro. Dalla ‘Piovra 7’, all’interpretazione dell’anarchico Bartolomeo Vanzetti in ‘Sacco e Vanzetti’, sino al perfido aristocratico Raniero ne ‘La freccia nera’. L’ultima apparizione, alcuni mesi fa, nel ‘Principe libero’, dedicato a Fabrizio De Andrè. Indimenticabile nei panni di Giovanni Falcone nel film di Tavarelli consacrato a Paolo Borsellino.

Il teatro era un suo luogo di predilezione. L’ultima apparizione diretto da Giorgio Barberio Corsetti che lo volle come protagonista del suo ‘King Lear’. Padre dolente, rassegnato, disperato dinanzi all’ingratitudine delle figlie, ad un destino avverso. La caduta dell’uomo, l’impossibilità di uscire dal drammatico ingranaggio del potere. ”Solo Ennio Fantastichini avrebbe potuto interpretare il mio ‘King Lear – ha dichiarato all’Adnkronos Giorgio Barberio Corsetti – Aveva una capacità unica e straordinaria di saper comunicare, con il suo corpo, con la sua voce, contemporaneamente il riso e il pianto, il comico e il tragico”.

”Tutti noi amici – continua – sapevamo che Ennio stava male da tempo. Ma si era ripreso ed avevamo la speranza che potesse farcela”.

E ha ancora aggiunto: ”Ci siamo conosciuti giovanissimi, Ennio aveva forse 16 anni. In tutti questi anni ci siamo incontrati, persi e poi ritrovati. Sempre con il desiderio di poter lavorare insieme. Come è accaduto al Teatro Argentina di Roma. Solo Ennio avrebbe potuto vestire i panni di ‘King Lear’ – ha proseguito Giorgio Barberio Corsetti – Sapeva essere al contempo dolente e ironico. Sapeva esprimere il pianto e il riso. Aveva straordinarie corde al suo arco ed era un attore e un amico unico”.

Potresti voler leggere anche

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.