Arriva il condono per gli avvisi bonari

Buone notizie dal Parlamento (Commissione Finanze del Senato)

Salta la dichiarazione integrativa che prevedeva un’imposta secca del 20% sui maggiori imponibili dichiarati nei limiti massimi del 30% di quanto dichiarato fino ad un massimo di centomila euro. Entra, con un giusto emendamento, il condono o meglio la regolarizzazione dei mancati versamenti di imposta che si trovano nella fase precedente all’iscrizione a ruolo. Pace fiscale anche a chi ha dichiarato ma non ha versato.

Ci si riferisce ad esempio agli Avvisi Bonari pervenuti, e magari in fase di pagamento rateizzato. Si finalmente una norma di giustizia che elimana il paradosso creatosi nella prima proposta, per cui possono aderire alle sanatorie solo coloro che non hanno versato (non dichiarando i redditi imponibili) o coloro che hanno aspettato che l’avviso bonario si trasformasse in cartella esattoriale.

Si deve sottolineare che normalmente una imposta non pagata, viene dapprima pretesa con una sanzione contenuta nel 10% a mezzo avviso bonario, poi viene iscritta a ruolo con una sanzione del 30%. Quindi, senza questo allargamento l’assurdo sarebbe stato che coloro che hanno atteso la maggiore sanzione con l’iscrizione a ruolo si vedono stralciata l’intera sanzione, mentre coloro che hanno interrotto tale trasformazione in ruolo, con l’avvio di un pagamento rateale con maggiorazione di sanzione, non potrebbero regolarizzare, dovendo pagare tutto compreso le sanzioni.

Buone notizie che speriamo si trasformino in legge.

Ricapitolando, attraverso questo emendamento in Commissione Finanze del Senato, sarebbe consentito allargare la definizione agevolata a coloro che, avendo regolarmente dichiarato il dovuto, hanno incontrato difficoltà a pagare nei termini. Ci si riferisce quindi a tutte le imposte tra le quali sicuramente IVA, IRPEF, IRAP, IRES, Cedolare Secca, per:

  • Avvisi Bonari ricevuti e in corso di pagamento rateale;

  • Avvisi Bonari pervenuti e non pagati ma non ancora iscritti a ruolo;

  • Imposte non versate e per le quali non è ancora pervenuto avviso bonario;

    Il sistema di regolarizzazione consisterebbe in una istanza telematica che permetterebbe di versare le imposte senza sanzioni. Il dettaglio delle modalità di pagamento e termini dovrebbe essere simile a quello per la rottamazione ter.

    Noi siamo fiduciosi e attendiamo pazientemente che quanto descritto diventi legge.

 

Dott. Mirco Arcangeli, Commercialista in Catania

 

Potresti voler leggere anche

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.