Un anno fa l’uccisione a Malta di Daphne Caruana Galizia. Indagava sui passaporti d’oro e i loschi affari internazionali

Daphne Caruana Galizia fu uccisa a Malta il 16 ottobre del 2017. La sua morte, per la quale sono stati arrestati i presunti autori materiali rimane a tutt’oggi senza un mandante. Tante le ipotesi ma finora non si è pervenuti a una verità giudiziaria. Certo è che Daphne con le sue inchieste giornalistiche non godeva delle simpatie dei Poteri (maltesi ed internazionali). La sua penna costituiva il peggior riflettore su un’isola “dorata” che nasconde, forse, del marcio che va ben oltre le più complottistiche immaginazioni.

Daphne Caruana Galizia ha lavorato come giornalista dal 1987. Firma regolare per The Sunday Times e redattrice associata per The Malta Independent. Dal 2008 ha curato un blog, intitolato Running Commentary, che includeva segnalazioni investigative e commenti personali. Il suo blog era uno dei siti più popolari di Malta. Nel 2010, proprio dalle pagine del blog ha criticato il magistrato Consuelo Scerri Herrera, che ha poi aperto un’inchiesta per calunnia e diffamazione contro di lei, inchiesta archiviata nel novembre 2011.

Nel 2013 fu arrestata per aver rotto il silenzio politico il giorno prima delle elezioni generali, dopo aver postato video che deridevano l’allora leader dell’opposizione Joseph Muscat. È stata interrogata dalla polizia prima di essere liberata dopo poche ore.

Nel 2016,  è stata la prima giornalista a lanciare la notizia del coinvolgimento dei politici governativi Konrad Mizzi e Keith Schembri nei Panama Papers, grazie al coinvolgimento di suo figlio Matthew nel Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi. Il 22 febbraio rivelò che Mizzi avesse connessioni con Panama e la Nuova Zelanda, spingendo il ministro a rivelare l’esistenza del Rotorua Trust due giorni dopo. Il 25 febbraio ha rivelato che anche Schembri possedeva un trust neozelandese, a sua volta proprietario di una società a Panama.

Il leak dell’aprile 2016 ha confermato che Mizzi era proprietario della società panamense Hearnville Inc, e che Mizzi e Schembri avevano aperto anche un’altra società, la Tillgate Inc. Le società erano anche di proprietà di Orion Trust New Zealand Limited, che sono gli stessi fiduciari dei trust di Mizzi e New Schembri in Nuova Zelanda, rispettivamente Rotorua e Haast.

Come prima persona a rivelare il coinvolgimento di Mizzi e Schembri a Panama, Caruana Galizia fu nominata da Politico Europe come una delle “28 persone che avrebbero scosso l’Europa” nel 2017.

L’Europa, invece, quel 16 ottobre fu scossa dal boato della sua Peugeot 108 esplosa mentre Daphne ne era alla guida.

A distanza di un anno il Guardian oggi pubblica un interessante articolo che pubblichiamo qui tradotto. The Guardian citando l’allarme lanciato dal commissario europeo Věra Jourová spiega il meccanismo delle cittadinanze “facili” concesse da Malta in cambio di denaro e affari.

Perché le commemorazioni non hanno senso se non si continua a lottare contro quel che ha portato alla morte una vera combattente. (L.A.)

 

La sicurezza europea viene messa a rischio dai cosiddetti schemi del “passaporto dorato” che hanno permesso agli Stati di vendere la cittadinanza o la residenza a persone potenzialmente “pericolose”, ha avvertito il commissario europeo per la giustizia.

Věra Jourová ha descritto i programmi come “problematici” e “ingiusti”, riecheggiando le preoccupazioni private delle agenzie di intelligence europee, che temono che i “passaporti dorati” siano stati sfruttati da persone con denaro sufficiente per acquistare l’accesso al Regno Unito e all’Europa.

I suoi commenti arrivano quando Malta e Cipro sono stati nominati in una lista nera di 21 nazioni che gestiscono schemi di passaporti che sono considerati a rischio elevato di evasione fiscale. L’elenco è stato pubblicato martedì dall’OCSE, uno dei principali thinktank, che desidera controlli più rigorosi. I due stati membri dell’UE hanno già venduto la cittadinanza a centinaia di individui provenienti da Russia, Cina e Medio Oriente.

Jourová ha detto che fare soldi è stato messo prima della sicurezza. “Capisco che i programmi di cittadinanza sono favorevoli per l’economia. Ma questo è ingiusto per le persone che non possono permettersi di acquistare la cittadinanza. E la cittadinanza è qualcosa di così, così grande e così prezioso che la cittadinanza in vendita mi sembra piuttosto problematica. “

Ha aggiunto: “Abbiamo preoccupazioni legittime, perché se in un paese una persona pericolosa ottiene la cittadinanza, ottiene la cittadinanza per l’intera Europa. Forse dovremmo tutti rinegoziare l’intero sistema e l’intera competenza dell’Europa. Perché c’è una contraddizione.

“Una volta che abbiamo alcuni punti deboli nell’UE, alcuni punti deboli in cui è facile entrare nello spazio, tutta l’Europa ha un problema”.

L’intelligence britannica è anche nota per essere profondamente infelice riguardo agli schemi. “Non è solo una preoccupazione per noi, è una preoccupazione per tutti”, ha detto una fonte anonima.

Jourová pubblicherà un rapporto raccomandando controlli molto più rigorosi sui sistemi entro la fine dell’anno. Al momento Bruxelles non ha il potere di vietarli, anche se potrebbe cambiare.

Il commissario ha affermato che il suo rapporto insisterà su collegamenti reali tra un acquirente di passaporti e il paese di cui hanno richiesto la cittadinanza.

Jourová ha parlato in un’intervista speciale per celebrare il primo anniversario della morte della giornalista anti-corruzione Daphne Caruana Galizia, che è stata uccisa in un attentato con un’autobomba a Malta.

Il commissario ha denunciato la mancanza di progressi da parte della polizia nello scoprire l’identità di coloro che hanno commissionato l’omicidio il 16 ottobre dell’anno scorso. Tre uomini sono sotto processo per aver innescato la bomba, ma quelli che hanno ordinato l’uccisione si ritiene siano ancora in libertà e l’indagine della polizia è in corso.

“Ora commemoriamo l’anniversario dell’omicidio e ancora i risultati non sono qui”, ha detto Jourová. “Ora, dopo un anno, sto diventando impaziente.”

Jourová ha descritto l’omicidio come un “game changer”, aggiungendo: “Sappiamo quale ruolo devono svolgere i giornalisti, se smettono di andare all’inferno”.

I suoi commenti arrivano quando il Guardian pubblica un’indagine che solleva nuove domande sull’influenza di un attore leader nel settore dei “passaporti dorati”, Henley & Partners, negli stati dei Caraibi che ha aperto la strada a tali schemi.

L’inchiesta è stata pubblicata sotto la bandiera di The Daphne Project, una collaborazione di 18 organizzazioni giornalistiche provenienti da 15 paesi, formata per continuare le indagini avviate da Caruana Galizia.

Il giornalista aveva sollevato preoccupazioni nel riferire, tra le altre cose, su Henley e le sue relazioni con il governo guidato dal primo ministro laburista di Malta, Joseph Muscat.

A Malta, un individuo può ottenere la cittadinanza in cambio di un contributo di € 650.000 al fondo di sviluppo del paese e l’acquisto o la locazione di proprietà, così come gli investimenti di almeno € 150.000 in titoli di Stato.

Lo schema di Malta non richiede che i nuovi cittadini possano effettivamente trascorrere del tempo nelle proprietà che acquistano o affittano nel paese. Lo schema è stato progettato ed è ora gestito da Henley, che incassa la commissione su ogni passaporto venduto e ha finora realizzato 19 milioni di euro dal contratto.

Henley afferma che esiste un significativo valore sociale creato attraverso questi programmi, che può incoraggiare gli investimenti esteri e aumentare il PIL locale. Sia Henley che Muscat hanno costantemente difeso l’uso di tali schemi, insistendo sul fatto che per prevenire gli abusi, i candidati sono accuratamente esaminati in anticipo e devono sottoporsi a severi controlli di diligenza contro elenchi di sanzioni e registrazioni presso l’Interpol e il tribunale penale internazionale.

L’inchiesta si concentra su come Henley ha stabilito la sua attività nei Caraibi e ha comunicato ampiamente con il consulente elettorale britannico attualmente in disgrazia, Alexander Nix, e la sua azienda SCL.


Guidato da France Forbidden Stories, il progetto Daphne include il Guardian, Reuters, la svizzera Tamedia, la tedesca Süddeutsche Zeitung e la francese Le Monde.

Segnalazione aggiuntiva di Stephanie Kirchgaessner, Arthur Bouvart, Lena Kampf e Jean-Baptiste Chastand.

 

Potresti voler leggere anche

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.