I Marines-pulitori di Sigonella al servizio della CIA?

di Salvo Barbagallo

 

Catania. Apprendiamo dal giornale locale che è in corso una “polemica” per la presenza “propagandistica” in una scuola di Catania di un gruppo di Marines di Sigonella, e del “coinvolgimento” degli alunni che hanno cantato l’inno del Corpo militare statunitense. La querelle è stata animata (secondo quanto riporta il quotidiano locale La Sicilia) dall’attivista Antonio Mazzeo quando domenica scorsa, nel proprio blog, ha accusato scuola e l’intero sistema educativo, di militarizzazione. Una testimonianza  sostenuta dal PCI (Partito Comunista Italiano) che all’indomani dello sfogo, dirama una nota di solidarietà: “Da tempo denunciamo – scrive il responsabile nazionale Scuola e istituzione del PCI, Luca Cangemi la presenza sempre più massiccia nelle scuole catanesi di ogni ordine e grado, del Corpo dei Marines (…)”.

La dirigente dell’Istituto ha affermato che l’incontro degli alunni con i Marines rientra nel Community Relations condiviso come scuola nel piano dell’offerta formativa, così come avviene con altre iniziative che portiamo avanti collaborati da diverse realtà del territorio (…)”

Non abbiamo visto il blog di Antonio Mazzeo, sappiamo che è un giornalista piuttosto preparato che risulta – visti gli approfondimenti che presenta su Sigonella – ricco di fonti e le informazioni che propone sono difficilmente contestabili. La sigla “PCI” (a nostro avviso, a nostra opinione) non riporta alla memoria eventi esaltanti sia sul piano nazionale, sia sul piano mondiale. Come dire: le critiche non appaiono “al di sopra delle parti”.

Come appare “non al di sopra delle parti” la reazione del Coordinatore regionale Forza Italia Giovani, Dario Moscato che, in una sua nota, così si esprime: Una polemica assolutamente vuota, faziosa e per molti aspetti inconcepibile. In qualità di coordinatore regionale di Forza Italia Giovani mi preme sottolineare come l’attacco strumentale, che stanno subendo i Marines di Sigonella e l’istituto comprensivo “De Roberto” di Catania non può non lasciare assolutamente perplessi. Una polemica frutto di un attacco strumentale di alcuni ambienti di sinistra che farebbero meglio ad occuparsi dei reali problemi dei cittadini piuttosto che cercare un “casus politico” senza capo né coda. Da anni i militari di Sigonella fanno volontariato nelle scuole, nelle chiese e in ogni altro tipo di contesto sociale di Catania e Provincia grazie ad un rapporto di fraterna collaborazione tra Italia e Usa. Non capire questo, oppure accorgersi con colpevole ritardo dell’ennesima iniziativa lodevole, e anzi camuffarla agli occhi dell’opinione pubblica come un tentativo di fare propaganda o indottrinamento militare nei confronti dei più piccoli, è assolutamente disgustoso. Parliamo di soldati che- ripeto- da anni svolgono un lavoro encomiabile in contesti difficili e spesso dando un contributo determinante nel dare decoro e pulizia in ambienti abbandonati (…).

Tutta da applaudire (lo diciamo con ironia, a scanso di equivoci) l’affermazione di Moscato dei “soldati” (cioè dei Marines, n.d.r.) “che svolgono un lavoro encomiabile in contesti difficile e spesso dando un contributo determinante…”…

Per quanto concerne la “linea” dell’iniziativa “Marines” adottata dalla dirigente della scuola in questione vorremmo sapere in che consiste per gli alunni, nel caso in specie, l’esperienza “formativa”.

Da tempo (da anni) seguiamo le “escursioni/trasferte” che effettuano i Marines di Sigonella non solo in città, paesi e borghi di Catania, ma anche in altre provincie, tutte ben accolte da sindaci e dai mass media locali, presentati come (presunti) eventi di “integrazione” con le collettività. Quelle collettività che ben poco conoscono di Sigonella “Made in USA” e la sua operatività, autorizzata su territorio italiano, che ha ben poco di pacifico.

In verità, sino ad ora, abbiamo ritenuto le “escursioni/trasferte” dei Marines di Sigonella come maldestri tentativi di banale “propaganda”, ma le insistenti “presenze sparse” in Sicilia autorizzano adesso a far ipotizzare qualcosa di ben programmato (e non tanto “estemporaneo”)? Le visite, cioè, potrebbero essere finalizzate a tutt’altro scopo che non a quello di far conoscere realtà diverse? Ipotesi fantapolitica ritenere che, da tempo, venga effettuato un minuzioso monitoraggio del territorio, utilizzando personale americano, magari non appartenente al Corpo dei Marines? Se ciò rispondesse a verità, allora bisognerebbe ipotizzare anche che le periodiche visite rispondano a programmi redatti da Intelligence (CIA o similari) che devono raggiungere determinati obbiettivi. Quali?

Troppi interrogativi e troppe teorie, purtroppo, non portano da nessuna parte dal momento che è impensabile che le Autorità Italiane sconoscano quanto accade nell’Isola. Resta un senso di impotenza e di inquietudine, tenendo nel debito conto che – se pur “alleata” – la presenza statunitense in Italia, e soprattutto in Sicilia, è presenza militare straniera fin troppo armata… Insomma, si tratta di una presenza occupante

 

A seguire una selezione di articoli sull’argomento on date precedenti. 


I Marines “pulizieri” sbarcano a Siracusa

6 agosto 2017 Redazione

 

di Salvo Barbagallo

 

Da un servizio di “Difesa Online” di alcuni giorni addietro (3 agosto) apprendiamo: Il vice segretario alla Difesa, Pat Shanahan, ha dichiarato ieri che l’apparato militare USA è oggi la forza combattente più potente e tecnologicamente avanzata del pianeta. La riorganizzazione del Dipartimento della Difesa mira a garantire questo vantaggio competitivo anche per il futuro (…) Il sottosegretario ha sottolineato, durante una tavola rotonda con la stampa, che il cambiamento è necessario per massimizzare la “speed of relevance” (agire tempestivamente in un’ottica delle priorità, ndr). Il cambiamento in programma è finalizzato a rendere le capacità militari statunitensi più letali, incoraggiare partenariati all’interno del dipartimento e con le nazioni alleate e garantire che i processi di acquisizione soddisfino le esigenze dei militari in servizio oggi ed in futuro (…).

Bene. Oltre Oceano, dunque, gli indirizzi politici degli Stati Uniti d’America sono quelli espressi dal vice segretario alla Difesa Pat Shanahan, cioè che l’apparato militare USA è oggi la forza combattente più potente e tecnologicamente avanzata del pianeta, la “rappresentanza” di questo “apparato militare” in maniera molto concreta si trova sparsa nelle varie basi in Italia (Aviano in testa) e, soprattutto in Sicilia (Sigonella, Augusta, Niscemi, eccetera) dove questo “apparato militare” mostra apertamente i muscoli con i droni operativi, con l’impianto bellico satellitare MUOS e con i depositi di munizioni nei quali si sconosce se contengono ordigni nucleari.

Una volta sul territorio nazionale, comunque nelle città dove erano presenti forze militari a Stelle Strisce, operavano sedi dell’Usis, cioè United States Information Service (Servizio di informazione per gli Stati Uniti d’America) che svolgevano attività culturali con biblioteche, cineteche e quant’altro veniva ritenuto utile per la conoscenza e l divulgazione della cultura degli yankee. Questi centri culturali statunitensi vennero enormemente potenziati ai tempi della “Guerra fredda”, per poi essere gradualmente eliminati, a quanto pare per gli alti costi di mantenimento che comportavano. Oggi all’interno di ogni base USA c’è un Ufficio di Pubbliche Relazioni, quasi sempre affidato a un “italiano” sotto (ovviamente) la sovrintendenza del Comando americano, che tiene rapporti “esterni” con le comunità locali (responsabili delle pubbliche amministrazioni, associazioni di vario tipo, organi di stampa “selezionati”) organizzando sporadici incontri e sporadiche e controllate visite all’interno delle “autonome” strutture militari. Da questo punto di vista le Pubbliche Relazioni tenute dall’apparato di Sigonella sono volte a fornire (sempre… in collaborazione con entità locali) una decina di Marines (ovviamente in abiti…civili) che si vengono utilizzati (mission estremamente delicata…) quali “pulizieri” di giardinetti invasi dai rifiuti, o di monumenti lasciato dalle pubbliche amministrazioni nel degrado. Un’attività che viene “reclamizzata” come “eventi straordinari” dai mass media locali compiacenti.

Di questi “eventi straordinari” La Voce dell’Isola ne ha segnalato diversi in diverse occasioni su Catania e sui Comuni del suo hinterland. Ora i Marines di Sigonella si sono spostati su Siracusa, ed ecco che il quotidiano La Sicilia è stato subito pronto e “disponibile” a segnalare ai suoi lettori (addirittura in prima pagina, come da noi documentato) appunto l’evento straordinario.

Ci sembra un modo piuttosto squallido e di basso profilo questo modo degli USA di relazionarsi con le collettività locali. Ritenevamo (cadendo in errore) che la nuova amministrazione di Donald Trump avrebbe mutato questo modo di agire. Ritenevamo che il nuovo ambasciatore USA in Italia Lewis M. Eisenberg, amico personale del Presidente a Stelle e Strisce, adottasse un “sistema” migliore di pubbliche relazioni con i cittadini Siciliani, un sistema adeguato per spiegare cosa significa veramente l’occupazione del territorio isolano da parte delle agguerrite forze militari USA considerate (probabilmente) correttamente dal vice segretario alla Difesa, Pat Shanahan la forza combattente più potente e tecnologicamente avanzata del pianeta.

La conquista delle “simpatie” della popolazione (vera psycology war) non si effettua mandando un gruppo di Marines in borghese per le “pulizie di casa altrui”: al tempo della globalizzazione, al tempo di internet, è un sistema fallito in partenza che, anzi, può provocare reazioni negative.

Di ciò non si è reso conto il presidente Obama, di ciò non si sta rendendo conto Donald Trump, ma forse potrebbe capirlo l’ambasciatore in Italia Lewis M. Eisenberg, e correre (correre, correre…) ai ripari.


I Marines continuano a pulire Catania: grazie U.S.A.!

12 luglio  2017 Redazione

 

Questa volta la “notizia” non l’abbiamo appresa dal giornale locale, ma da un diretto comunicato stampa  (su carta intestata del Comune – Direzione Consiglio Comunale) del Consigliere comunale Maurizio Mirenda: i Marines della vicina base di Sigonella sono stati ancora all’opera a Catania per pulire il rione Balatelle a San Giovanni Galermo che così è ritornato  ad essere un territorio più vivibile ed a misura di bambino. Questa nuova fatica dei marines (che vogliono tanto, tanto bene ai Siciliani… e quindi non si risparmiano e sono sempre a disposizione della collettività…) si deve al responsabile per le relazioni esterne  dott. Alberto Lunetta, che attraverso il programma di prossimità denominato “Community Relations” permette di compiere molti gesti importanti per la città di Catania e non solo. Accanto a loro, i volontari dell’associazione “Regala un Sorriso onlus” che da anni si batte per migliorare il volto delle periferie. Con loro, la piazzetta del rione Balatelle, il più importante luogo di socializzazione per tanti bambini di San Giovanni Galermo, ritorna a nuova vita con le panchine riverniciate, un nuovo manto erboso e aiuole prive di rifiuti.

Il comunicato del consigliere Mirenda si differenzia dai consueti articoli elogiativi che appaiono periodicamente sul giornale locale, in quanto sottolinea che l’ultima “mission” dei Marines di Sigonella possa servire  per lanciare un messaggio all’amministrazione centrale affinché sia assicurato nel tempo il rispetto e l’attenzione delle periferie. Luoghi troppe volte messi ai margini della vita cittadina.  La pulizia di via Balatelle dimostra che non esiste solo la Catania del centro storico, della movida e delle attrattive turistiche (…).

Annotazione corretta che (comunque e purtroppo) non può (e di certo, non deve) far dimenticare cosa significhi la pressante e invadente presenza militare USA in Sicilia, così come abbiamo scritto tante volte in precedenza.


Trump paga i marines per fare pulizie a Catania

16 marzo 2017

di Salvo Barbagallo

 

I “nulla osta” di Barack Obama per la Sicilia valgono ancora, ma forse Donald Trump, il nuovo presidente USA, non ha conoscenza diretta: i marines di stanza stabile a Sigonella vengono impiegati (dove vengono richiesti?) per fare pulizie in giardini, scuole, chiese e strade del capoluogo etneo. Questo incarico “speciale” i marines lo svolgono a livello di “volontariato”, ma non è noto se il “servizio” particolare sia stato richiesto (o meno) dall’attuale sindaco Enzo Bianco, e non sono altrettanto note le condizioni del “volontariato” made in USA. È lecito chiedersi se Donald Trump approvi (o meno) la circostanza che i suoi (armati) uomini migliori in missione permanente all’estero (a Sigonella) vengano impiegati in questo modo: uno spreco, tutto sommato, di energie fisiche e anche di moneta, dal momento che a pagare i marines in trasferta è l’amministrazione statunitense e non l’amministrazione del Comune di Catania. Iniziativa deprimente, alla fine, considerato che il sindaco Enzo Bianco dispone di un servizio pubblico di Nettezza Urbana che (forse?) ha altri incarichi, diversi dal tenere pulita e brillante la città e i suoi monumenti.

Più volte abbiamo segnalato su questo giornale questa “anomala” prestazione dei marines USA a favore di Catania: prestazione sistematicamente periodica che viene puntualmente messa in rilievo dal giornale locale, come se fosse un fatto che merita attenzione. In realtà gli episodi che riguardano questi “marines” all’opera meritano riflessione approfondita, più che attenzione etichettata “curiosità”. Ne abbiamo parlato tante volte, e ne torniamo a parlare, magari consigliando il responsabile delle Relazioni esterne della base USA di Sigonella di evitare di reclamizzare tali iniziative perché gli effetti di “commento” (per quanti ancora vogliono discernere il grano dall’oglio) è inevitabilmente negativo. Queste “iniziative” infatti non possono (e non devono) essere considerate “pubbliche relazioni”, ma solo fumo negli occhi che non potrà mai coprire la “vera” natura della (forte) presenza militare statunitense a Sigonella e nelle varie basi sparse nel territorio isolano.

Piacerebbe avere in giro americani, ma in qualità di turisti e non come forza di “occupazione militare”, perché tale deve essere considerata non solo la presenza stabile a Sigonella (e altrove in Sicilia) dei marines, ma anche l’intero apparato bellico al loro seguito, dai velivoli cargo (cosa trasportano?), ai droni “Global Hawks” e “Predator” in grado di operare con missili (anche nucleari?) e non solo con sofisticate attrezzature video/fotografiche. Così come è da considerare occupazione stabile (quasi sicuramente “definitiva”) del MUOS a Niscemi, impianto di comunicazione satellitare (solo comunicazione o anche intercettazione?) che serve per scopi di guerra (?) e non certo per utilità “civile”. Eccetera, eccetera.

Allora, anche la “presa in giro” della collaborazione UA/Catania dei marines impiegati come “pulizieri”? L’addetto alle Relazioni con l’esterno della Naval Air Station USA di Sigonella, Alberto Lunetta, forse dovrebbe trovare altri sistemi per fare apprezzare la scomoda presenza yankee a Catania. O forse dovrebbe cambiare mestiere (ma questi sono affari suoi). Ci piacerebbe conoscere il pensiero del Presidente Donald Trump in merito…


I marines perfettamente integrati a Catania

15 settembre 2016

 

di Salvo Barbagallo

 

Anche se in ritardo, dovremmo dare ragione al ministro della Difesa Roberta Pinotti in merito all’integrazione dei militari statunitensi di stanza a Sigonella con la collettività Siciliana? È forse vero (!) che i marines sono perfettamente “inseriti” nel tessuto sociale etneo?  Quindi corrisponde alla “verità” quanto ha dichiarato il ministro al giornalista Mario Barresi il 6 settembre scorso, in occasione della sua visita a Catania per prendere parte alla Festa nazionale dell’Unità: So che Sigonella è una base ben inserita nel territorio e in realtà gli americani e gli italiani sono come se fossero un’unica realtà (…)?

Qualcosa (per caso) ci ha fatto cambiare opinione? No, la nostra opinione rimane intatta e lo dimostra un articolo che abbiamo avuto modo di leggere ieri (24 settembre) nell’inserto del Corriere della Sera (Corriere Sociale – Corriere del Mezzogiorno). Un articolo significativo sul “rapporto” dei militari statunitensi con la popolazione locale, molto più esplicativo di quanto detto da Roberta Pinotti…

Già il titolo del servizio giornalistico (a firma di Riccardo Rossi) spiega in maniera chiara quanto e perché gli yankee siano ben voluti dai Siciliani: “Dalla base di Sigonella volontari in chiese, scuole e associazioni. Ogni anno 159 iniziative di solidarietà per ricambiare l’ospitalità siciliana. Così i militari Usa aiutano i più deboli”. C’è da commuoversi sin dalle prime righe dello scritto di Rossi: Gli americani sono un popolo che influenza la vita di questo pianeta in tanti modi. Pochi sanno che tutte le basi e navi militari nel mondo hanno un programma di solidarietà verso le popolazioni locali. La Stazione aeronavale della Marina Usa di Sigonella, dislocata nella Sicilia orientale, si è distinta nel mondo ricevendo il premio come come migliore programma di buon vicinato del 2015 per avere effettuato 150 progetti solidali, che ha visto impegnati 1200 militari, con un totale di 8000 ore di volontariato (…). Questi uomini che fanno parte di vari reparti, svolgono servizi utili alla collettività (…).”.

Veramente commovente e ammirevole.

Peccato che negli incontri di volontariato come da programma ben definito non si parli dei droni Predator o Global Hawks o del Muos, e cerchi ora di riportare indietro le lancette del tempo cercando di riproporre metodologie di persuasione che si credevano seppellite. C’è da chiedersi, infatti, se qualcuno negli USA ha inteso rispolverare le teorie propagandistiche di Joseph Paul Goebbels…

In più circostanze noi ci siamo occupati del “volontariato” dei marines di stanza a Sigonella: torneremo su questo argomento ogni qual volta si presenti l’occasione.


Ecco cosa fanno gli americani di Sigonella a Catania

7 giugno 2016

 

di Salvo Barbagallo

 

Se non fosse per la stampa locale non sapremmo quale attività svolgono effettivamente gli americani di stanza nella base militare di Sigonella. Periodicamente (ma con “costanza”) veniamo a conoscenza del perché ormai da oltre mezzo secolo gli yankee si sono stabiliti alle porte del capoluogo etneo: i giovani marines stanno a Catania per svolgere il lavoro di…giardinieri! È vero, poiché gli enti locali non sanno più come ripulire il (poco) verde urbano, si avvalgono della partecipazione straordinaria dei marines. Da non crederci, ma è così. Probabilmente (ma in merito non è mai stato diramata comunicazione da parte degli organismi competenti, e quindi il dubitativo è d’obbligo) tra la Naval Air Station di Sigonella (base autonoma statunitense) e il Comune di Catania è stata firmata da tempo qualche particolare convenzione, in quanto sistematicamente (sempre dalle notizie riportate dalla stampa locale) pattuglie di marines ripuliscono i giardinietti (?) delle scuole pubbliche e quelle di qualche piazza della città.

Sempre da notizie della stampa locale, ora apprendiamo che la collaborazione USA/Catania si è estesa fuori dal perimetro del capoluogo, grazie ai Club Services della provincia. E così abbiamo appreso che i marines hanno “adottano “un’aiuola” del Comune di Sant’Alfio.

Questa iniziativa è veramente significativa, come le altre che l’hanno preceduta: è il segno più tangibile dell’ottimo e incomparabile rapporto esistente tra gli “alleati” USA e la collettività Siciliana e la collettività catanese in particolare.

Tutto qui?

Certo, tutto qui.

INDISCRETO

Domanda –

E a Sigonella i Global Hakws, i Predator (i droni, i velivoli senza pilota, fortemente armati e operativi), a Niscemi il MUOS, e tutte le altre diavolerie belliche americane sparse nel territorio dell’Isola, che ci stanno a fare?

Risposta –

Ma via, quello è un altro discorso che con la Sicilia non ha nulla a che fare perché gli apparati bellici USA costituiscono un “rapporto” specifico e preciso con il Governo Italiano.

Domanda –

Ma, ci prendiamo in giro? La Sicilia non è “Italia”?

Risposta –

Beh, anche questo è un altro discorso…

Domanda –

Forse che la Sicilia ha chiuso il suo Parlamento e non ha più un suo Presidente della Regione in grado di decidere cosa fare o non fare nel suo territorio?

Risposta –

…Questa è propaganda di stampo stalinista! Perché porsi questi interrogativi quando neanche Putin ha mai obbiettato sulla presenza stabile di basi militari americane in Sicilia, pesantemente attrezzate per prevenire qualsiasi evento che possa mettere in pericolo l’Italia e l’Europa!

Domanda –

E i pericoli che corre la Sicilia per questo suo senso (obbligato?) di “ospitalità” militare straniera non si tengono in conto?

Risposta –

Ma quali pericoli e pericoli: gli americani stanno qui per difendere tutti noi!

Domanda –

Da cosa ci difendono? Dai migranti o dalla mafia?

Risposta –

Ci difendono anche da quanti sporcano i giardinetti: non vedi che adottano anche le aiuole?


Non solo replay: riecco i marines in azione a Catania

17 giugno 2016

 

di Vittorio Spada

 

Se non fosse per il quotidiano La Sicilia non verremmo sicuramente a conoscenza delle “missioni” che sono chiamati ad affrontare i marines di stanza (in forma stabile) nella vicina base “americana” di Sigonella. Grazie al giornale locale, la collettività etnea sistematicamente e puntualmente è tenuta informata sui movimenti dei militari statunitensi e sulle rischiose trasferte operative che compiono in un territorio (per loro) straniero.

Certo, le “missioni yankee” sono splendidamente pianificate da esperti programmatori che da decenni hanno studiato ogni minimo dettaglio della provincia catanese e dell’intera isola, e si avvalgono anche delle più moderne e sofisticate tecnologie belliche. I militari USA, infatti, hanno a disposizione innanzitutto i droni, velivoli senza pilota di ultima generazione, quali i Global Hawks e i Predator che sono in grado (quando non vengono armati con missili) di fotografare ogni millimetro di terreno e scoprire eventuali (?) pericoli con largo margine di anticipo.

I militari USA, inoltre, hanno a disposizione centrali di ascolto e di intercettazione, hanno pure (anche se ufficialmente tenuto sotto sequestro dalla magistratura) il formidabile impianto satellitare di comunicazione mondiale, il MUOS di Niscemi. Insomma, gli americani di Sigonella hanno una vasta gamma di aggeggi bellici a disposizione che, da soli, possono far fronte a una Terza Guerra mondiale.

Ma l’elemento più importante sul quale può contare il personale della Naval Air Station USA di Sigonella è il “supporto” delle competenti autorità locali, che hanno molto a cuore il destino della collettività che rappresentano e che, opportunamente, ritengono, come avvenne nei lontani Anni Quaranta, che una nuova “AMGOT” (Allied Military Government of Occupied Territories) potrebbe risolvere tutti i problemi presenti e futuri.

Chissà perché tornano in mente le dichiarazioni che il politologo Edward Luttwak rilasciò nel settembre dello scorso anno:. Cosa diceva di “interessante” il politologo (anche lui!) “made in Usa”? Forniva una efficace “ricetta” ai Siciliani per uscire dalla interminabile crisi e dal sottosviluppo che li affligge: “E’ semplice. Rialzando con orgoglio il loro vessillo indipendentista sanguinante, i siciliani si riuniscono in assemblea e dichiarano la loro separazione da Roma. Non vogliono più un soldo da chi li ha asserviti e distrutti. Il loro capo – che vedrei bene indossare un elmetto – prima di tutto dichiara che in ogni caso non vorrà essere rieletto, poi procede al licenziamento di tutti i dipendenti pubblici della Regione. Sarà riassunto solo chi ha intenzione di lavorare. Viene dato spazio all’iniziativa privata, al commercio, al turismo, alla cultura. Viene incoraggiato il co-investimento. Vengono ristrutturati i porti eliminando la burocrazia, viene alacremente costruito un hub portuale internazionale nella piana di Enna. L’isola non sarà più governata dalla mafia, dalla politica, dal Calogero Sedara, ma dai siciliani veri, compresi i suoi nobili, come ai tempi di Federico II. E di nuovo stupirà il mondo”.

Forse quel “messaggio” è stato raccolto e c’è chi si adopera di conseguenza?

O forse esageriamo noi: questa pappardella di osservazioni per commentare l’articoletto de La Sicilia” (15 giugno) dal titolo “Marines e migranti insieme per pulire il lido salesiano”?

Ah!… Avevamo dimenticato il connubio “marines-migranti”: e cosa significa?

Potresti voler leggere anche

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.