Diventerà bellissima? Diventerà bruttissima?

Nello Musumeci e Vittorio Sgarbi

A un mese di distanza dal risultato della competizione elettorale per il “rinnovo” del Governo della Regione Siciliana, c’è chi guarda con attenzione alle “prime” mosse del neo Governatore Nello Musumeci e di qualche assessore che incomincia a muoversi su traiettorie più o meno programmate. Così c’è chi sottolinea di Musumeci l’aver “messo le mani avanti” per quanto concerne lo stato deficitario delle finanze della Regione a causa della dissennata gestione amministrativa del precedente governo, e chi evidenzia le prime sue visite considerate inopportune, già criticate ad altri candidati alla poltrona che adesso occupa. Dall’altra parte l’effervescente neo assessore regionale ai Beni Culturali, Vittorio Sgarbi, parla della necessità di ricostruire il Tempio G di Selinunte, proposito da apprezzare ma che appare a molti inopportuno, con i tanti problemi che stanno affossando la Sicilia da risolvere con urgenza. Questa Sicilia diventerà bellissima, o peggiorerà le sue condizioni? Troppo presto, ovviamente, per dare una risposta, anche se l’inizio dell’era Musumeci  è nato con tante benedizioni.

Oggi presentiamo un Editoriale apparso su TerraeLiberazione che offre diversi spunti di riflessione:


Diventerà bruttissima

di Pippo Gurrieri

 

Meno del 50% degli elettori siciliani ha designato l’ex fascista Nello Musumeci a nuovo presidente della Regione Siciliana; l’unità degli spezzoni destrorsi (salviniani, fratellitalioti, berlusconiani, gli ex di AN rinominatisi “Diventerà Bellissima”, più l’udc, frange democristiane e i forconi) hanno permesso il vantaggio necessario sul Movimento 5 Stelle. Il PD, ormai in mano ai transfughi del centro destra, crolla al 19%, e la sinistra di Fava si attesta al solito 5+ appena sufficiente a superare la soglia di sbarramento.

Ed eccoci quindi alla solita alternanza, che vede chi ha governato penalizzato e costretto a cedere la poltrona all’opposizione. Toccherà anche a Musumeci fra 5 anni. I 5 Stelle hanno avuto la fortuna di non vincere, pur confermandosi il primo partito; potranno così continuare a fare il lavoro di scaldabanchi a Palazzo dei Normanni, miscelando legalitarismo e populismo, puritanesimo e avventurismo, antagonismo e conformismo, razzismo e buonismo, senza bruciarsi nell’impossibile tentativo di modificare le cose governando l’Isola.

E’ stata una campagna elettorale scarna, giocata tutta dietro le quinte, pigra e noiosa, che poco ha interessato i siciliani, dei quali il 53,24%, per essere precisi, non si è recato a farsi tosare in un seggio elettorale. Uno scollamento dalla politica che, come abbiamo più volte scritto, non va letto come una predisposizione al cambiamento, ma piuttosto come una rassegnata indifferenza, che non mette in discussione la delega e la fiducia verso le autorità. E però è anche un segnale che il sistema politico è sempre più delegittimato, il meccanismo democratico del consenso fa acqua da tutte le parti, ed il consenso – quello vero – lo costruiscono i tradizionali e più occulti metodi delle promesse, del ricatto, della corruzione, della paura anche.

Se questo è vero, vuol dire che vanno attenzionati questi livelli della delega, questo collante che mantiene ancora appiccicato il popolo delegante ad un sistema screditato e irrecuperabile, però forte della violenza che a vari livelli riesce ad esercitare.

La destra torna tra gli scranni del governo, e già assistiamo al ritorno dei vari Totò Cuffaro, sponsor di Musumeci, e di personaggi felici di aver cavalcato il destriero giusto, una volta comprese le difficoltà del PD e di Crocetta di bissare il successo del 2012. Molti di questi figuri vengono dal governo uscente, alcuni hanno cambiato casacca all’ultimo momento, nella sostanza si tratta di una compagine che assicura continuità ai poteri forti dell’isola, quelli che non hanno mai smesso di governare i processi economici e sociali; tra i vincitori i candidati definiti “impresentabili” erano tanti, ma il loro curriculum criminale non può che arricchire la nuova coalizione. La regione che esce da queste elezioni non sarà di certo ostacolo alla militarizzazione, all’emigrazione dei nostri giovani, alla devastazione del territorio e dell’ambiente, all’impoverimento della popolazione e così via, anzi, più probabilmente ne sarà protagonista, come è stato per Crocetta, come fu per i predecessori. L’autonomia siciliana continuerà ad essere lo strumento per garantire i record negativi conseguiti: reddito al 50% di quello della Lombardia, disoccupazione il doppio, disoccupazione giovanile sopra il 40%, e per continuare a svendere alla meglio gli interessi dei siciliani.

Il laboratorio siciliano sarà replicato a livello nazionale il prossimo marzo? Forse si; ad ogni modo poco cambierà anche lì: la cosiddetta sinistra centrista ha lavorato bene per ossequiare gli interessi delle banche, di Confindustria, delle multinazionali, della NATO e degli USA; il popolo che soffre sicuramente la penalizzerà per mettersi in mano degli omologhi della destra centrista, difficilmente dei pentastellati. Tutto procederà come prima. Se variazioni bisogna attendersi, esse potranno venire solo dall’interruzione di questo gioco. Una prospettiva, per adesso, molto lontana.

Pippo Gurrieri – editoriale del mensile “Sicilia Libertaria” (novembre 2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Close