La via della seta e i rapporti con la Cina, Agen: Imbarazzante il silenzio dei parlamentari siciliani sul porto di Augusta

CHI DIFENDE I LEGITTIMI INTERESSI DELLA SICILIA?

Come Presidente di Confcommercio Sicilia ho ascoltato, con un certo imbarazzo, le dichiarazioni del Presidente Gentiloni in visita a Pechino, nel corso delle quali rimarcava, con forza, la grande opportunità che si apre per i porti di Genova e, soprattutto, di Trieste dal crescente commercio navale con la Cina.

L’imbarazzo è cresciuto nel notare il silenzio dei Parlamentari siciliani, visto che, penso, conoscano l’interesse manifestato, a suo tempo, da qualificate rappresentanze del Governo cinese all’utilizzo del porto di Augusta, che potrebbe aprire le porte a straordinari  investimenti e, veramente,  trasformare l’economia della nostra Regione.

La Sicilia è, per sua posizione geografica, la base logistica ideale,  per una grande potenza economica quale oggi la Cina, una nazione che ha interessi fortissimi, sia in Europa, sia nell’area Sub sahariana, dove ha acquistato enormi territori in numerosi Stati centro africani.

Alla luce di quanto detto, ritengo incomprensibile il non attivarsi come Sicilia e come Italia, per far si che i progetti si realizzino e, si badi bene, non si tratta di fantasie del momento, ma di precise indicazioni, i cui contatti risalgono alla presidenza Lombardo e che comprendevano anche un aeroporto internazionale, comunicazioni ferroviarie ultra veloci e sì, diciamolo, anche il famoso PONTE.

Su tutto questo, purtroppo, mi pare, sia calato un imbarazzante silenzio della politica!

Pietro Agen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest